Calvizie, un farmaco per l'osteoporosi potrebbe risolvere il problema

Un follicolo pilifero. Nel nucleo il centro di controllo che aiuta a mantenere attiva la crescita dei capelli

Calvizie, un farmaco per l'osteoporosi potrebbe risolvere il problema

Lo ha dimostrato un team di ricerca dell'Università di Manchester, Regno Unito, che ha condotto una serie di esperimenti sui follicoli piliferi umani. Nathan Hawkshaw e colleghi, ha cercato di sviluppare nuovi modi per promuovere la crescita dei capelli umani con la speranza di trovare nuovi, ben tollerati agenti per il trattamento dell'alopecia androgenetica. Al giorno d'oggi la calvizia è trattata con due farmaci specifici Ovvero lo Minoxidil e il finasteride e pare che sia l'uno che l'altro abbiano degli effetti collaterali piuttosto rilevanti con una crescita dei capelli piuttosto irrisoria, con la conseguenza che la maggior parte dei pazienti si vedono costretti a sottoporsi ad un trapianto di capelli. Gli esperti britannici sono partiti dall'analisi della ciclosporina A, un farmaco utilizzato già da diversi decenni per bloccare il sistema immunitario delle persone che subiscono trapianti o che soffrono di malattie autoimmuni. Ed è in questi anni che i medici si sono resi conto che uno degli effetti collaterali del prodotto, il meno grave ma il più interessante, era quello proprio di aumentare la crescita dei peli.

Incidente al Giro 2018: accertamenti della polizia stradale
Il Giro d'Italia di ciclismo si sposta ad Agrigento . 3 - Enrico Battaglin (Team Lotto NL - Jumbo) s.t. Diretta tv anche su Eurosport1 dalle 13.00 e diretta streaming su Rai Play ed Eurosport Player.


I ricercatori inglesi stavano studiando gli effetti molecolari della ciclosporina A, notando così la sua interazione con un'altra molecola, detta Sfrp1 (Secreted frizzled-related protein 1), che inibisce la crescita dei capelli: sopprimendo l'attività di Sfrp1 le cellule coi follicoli piliferi coltivate in laboratorio cominciavano presto a costruire nuovi peli. Sfrp1 è diventato dunque un nuovo bersaglio terapeutico altamente promettente per le strategie anti-caduta dei capelli. Hawkshaw ha scoperto che un composto originariamente sviluppato per il trattamento dell'osteoporosi, chiamato WAY-316606, ha lo stesso meccanismo del CsA antagonizzando specificamente SFRP1. La ricerca, pubblicata da PLoS Biology e di cui Bbc dà un ampio resoconto, è stata fatta in laboratorio su follicoli piliferi prelevati dal cuoio capelluto di una quarantina di uomini che si erano sottoposti al trapianto. Questo rende la nostra ricerca clinicamente molto in particolare, poiché molti studi sulla ricerca sui capelli usano solo la coltura cellulare. "Chiaramente, però, è necessario un trial clinico per dirci se questo farmaco o composti simili siano sia efficaci che sicuri nei pazienti", conclude l'esperto. Per gli scienziati "i primi risultati sono molto positivi", anche se saranno necessarie ulteriori ricerche.

Latest News