Google annuncia Android P: beta già disponibile per diversi smartphone

Leggi anche Intelligenza Artificiale Amazon Facebook e Ford al vertice con Trump alla Casa Bianca

Leggi anche Intelligenza Artificiale Amazon Facebook e Ford al vertice con Trump alla Casa Bianca

Accedendo a modelli di parlato comuni, l'intelligenza artificiale di Google funziona molto come il testo predittivo nella tua applicazione di messaggistica preferita.

Inoltre sono state confermate tutte le funzioni già viste nella prima Developer preview di Android P che potete andare a rivedere al seguente link.

L'intelligenza artificiale è stata portata dovunque, addirittura nel drawer delle applicazioni che andrà a suggerire le app più recenti, le possibili azioni che si vogliono compiere e i suggerimento di utilizzo app tramite la ricerca.

Sempre a riguardo dell'accessibilità, Google introduce il supporto del codice Morse nella tastiera GBoard, che aiuterà chi ha disturbi specifici del linguaggio ad avere migliori capacità di comunicazione.

Governo M5S-Lega, incontro Salvini-Di Maio in tempo reale: c'è convergenza sui temi
Stando alle dichiarazioni comunque, i primi obiettivi del nuovo esecutivo saranno il reddito di cittadinanza e la flat tax . Così Matteo Salvini , che poi ha postato una sua foto accanto ad una ruspa con la scritta: " Stiamo lavorando per voi! ".


La demo più impressionante, accolta con i boati del pubblico, è quella dove viene mostrata una conversazione telefonica tra Google Assistant e un addetto di un centro estetico. Questo ci spaventa e ci porta a temere la macchina che non può essere chiaramente distinta da noi, come il replicante che passa il test Voight-Kampff in Blade Runner o la Maria robotica di Metropolis. L'Assistente può letteralmente chiamare in autonomia e richiedere un appuntamento riconoscendo le frasi pronunciate dall'altro capo della cornetta. La voce sembra assolutamente umana, e non come quella di un bot. Una cosa che ancora l'assistente non era in grado di realizzare.

Lilian Rincon, direttrice della gestione prodotti di Google, presenta nuovi display intelligenti, la cui parte hardware è prodotta da aziende come LG e Lenovo, che saranno disponibili sul mercato da luglio. Con dashboard sarà possibile sapere per quanto tempo si è utilizzata un'app, quante volte è stato sbloccato lo smartphone e il numero di notifiche ricevuto. Con Google Lens basterà puntare la fotocamera su un soggetto e ricevere risposte su qualsiasi cosa, dall'edificio di fronte, al poster di un concerto, fino alla lampada che è in una vetrina.

Sfortunatamente, le persone che utilizzano G Suite non la otterranno inizialmente, poiché la funzione deve essere abilitata nella console di amministrazione della propria azienda. Altri partner si aggiungeranno nel tempo.

Essendo stato eliminato il tasto multi-tasking dalla barra di navigazione, su Android P ci sarà spazio per impostare nuovi pulsanti rapidi. La modalità wind down infine porterà lo schermo in bianco e nero per renderlo meno interessante negli orari in cui l'utente deciderà che le distrazioni vanno tenute lontane, magari durante le ore notturne, lo studio o l'orario di lavoro.

Latest News