Siena: aggredito con l'acido. Arrestati i suoceri

Siena, contrari al matrimonio della figlia: fanno sfregiare genero con acido/

Siena, ordinano attacco con l'acido sul genero I carabinieri di Poggibonsi hanno arrestato una coppia, di 54 e 45 anni

Così avrebbe agito una coppia di origini calabresi nel Senese: i due, lui di cinquantaquattro e lei di quarantacinque anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Poggibonsi per le lesioni subite al volto dal genero, un uomo di quarantotto anni.

Hanno assoldato due persone per lanciare, in ben due diverse occasioni, dell'acido addosso al genero, che non era gradito per la troppa differenza di età con la figlia. "Non devi sposarlo", le hanno ripetuto più volte, ma lei era innamorata di lui e non ne ha voluto sapere nulla.

Il primo tentativo di gettare l'acido muriatico contro il genero di 48 anni è fallito. A quel punto i due fidanzati hanno deciso di lasciare San Gimignano, in provincia di Firenze, per trasferirsi in Piemonte, a Torino, presso un indirizzo segreto. E lo scorso 19 aprile avrebbe ordinato il nuovo raid con l'acido, che questa volta ha provocato danni permanenti all'uomo, colpito al volto. E poi ha minacciato anche la sua giovane moglie. Le due vittime delle persecuzioni sono state trasferite in una residenza protetta.

Minacce, intimidazioni e lesioni - Da quanto emerso, la relazione tra la figlia della coppia arrestata e l'uomo aggredito non era stata accettata dalla famiglia di lei sin dall'inizio.

Zinzi su Biancofiore: "Più rispetto per il Sud"
Alla Biancofiore forse sfugge che il primo partito in Italia, con oltre il 32%, è stato proprio il MoVimento 5 Stelle . Da Forza Italia i cittadini attendono e chiedono un rinnovamento, non cliché e falsi luoghi comuni .


Il 19 aprile, mentre stava andando a comprare il pane, il pasticciere è stato raggiunto da un nuovo getto d'acido, con la stessa dinamica della precedente aggressione.

L'attività scaturisce da approfondimenti investigativi effettuati dopo la denuncia di una ragazza perseguitata dalla madre e dal padre per il fatto di aver sposato una persona non gradita, un uomo di 27 anni più grande di lei. Ma i danni avrebbero potuto essere ancora più invasivi se la prontezza dell'uomo non lo avesse portato a sciacquarsi immediatamente il viso in una vicina fontana.

Il marito della figlia come un nemico da abbattere a ogni costo.

Il procedimento penale è stato assunto per competenza dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino in quanto l'episodio più grave è avvenuto nel capoluogo piemontese.

Latest News