Fra cinque anni voleremo sulle nostre città con i taxi Uber

Arrivano i taxi volanti?

Fra cinque anni voleremo sulle nostre città con i taxi Uber

Lo ha fatto sapere l'azienda in una dichiarazione congiunta con il comando dell'esercito che si occupa di Ricerca, Sviluppo e Ingegneria.

Dopo che il co-founder di Google ha portato alla luce le sue intenzioni circa un futuro taxi volante da commercializzare inizialmente in Nuova Zelanda ci si sposta letteralmente nel contesto Uber per abbracciare un evoluto prototipo di velivolo che al momento appare come un drone munito di diversi rotori da utilizzarsi per il decollo e l'atterraggio verticale con fusoliera simile a quella di un aereo.

La Nasa utilizzerà i dati per simulazioni di voli di piccoli velivoli di trasporto passeggeri su Dallas-Fort Worth, uno spazio aereo normalmente molto affollato.

È semplicissimo. Basterà inserire la destinazione scelta nell'app Uber Air Network e subito una vettura ti accompagnerà al più vicino skyport: "l'aeroporto" per droni.

Cadavere 25enne trovato vicino Roma: ferita arma da fuoco al collo
Alberto Delfini , giovane di 25 anni , è stato trovato morto con una ferita da arma da fuoco al collo. Immediate sono scattate le indagini con i rilievi della squadra scientifica.


L'azienda ha poi stretto ulteriori partnership con varie imprese con l'obiettivo di lanciare i primi voli dimostrativi entro il 2020 e i primi voli commerciali entro il 2023. Questa promessa futuristica, ma reale, è stata fatta da Jeff Holden, Chief Product Officer di Uber, durante la conferenza Elevate di Los Angeles, con la quale il colosso del ride-sharing ha presentato i suoi progetti per rendere i taxi del cielo una realtà pronta a decollare già dal 2020.

Dallo scorso anno controllata di Boeing, Aurora Flight Sciences è specializzata in sistemi di aviazione autonomi. Per tutte le informazioni sul progetto Elevate vi rimandiamo al servizio realizzato dalla CBS (nel video qui sotto) oltre che al paper rilasciato dalla stessa Uber. Secondo il direttore di Pipistrel di R & D Tine Tomazic. l'aereo, parte di una famiglia di eVTOL, sarà in grado di percorrere distanze maggiori a velocità superiori rispetto ai modelli precedenti. Il tutto si basa sui dati stimati da Uber: se uberAIR fosse disponibile già oggi, sarebbero 700 milioni le persone disposte ad utilizzarlo per i propri spostamenti. "Questo gigantesco sforzo per ottenere un volo con un clic può essere realizzato solo attraverso una stretta collaborazione tra il settore pubblico e quello privato, il fine perseguito dal summit Elevate". Uber sta cercando città in cui i responsabili politici nazionali e locali sono impegnati a consentire l'adozione di nuove tecnologie di trasporto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Latest News