Serie A, la Juventus è campione d'Italia per la settima volta conscutiva

Allegri: «Giusto che festeggino i ragazzi. Sul futuro…»

Juventus, Allegri: “Vincere è bellissimo. Resto? Non sono lucido per rispondere”

Dobbiamo festeggiare perché 4 anni così difficilmente si possono rifare. Tutti quelli che lavorano con noi. "Abbiamo fatto stagioni straordinarie dimostrando di aver dominato in Italia e di aver fatto grandi cose anche in Europa nonostante le due finali di Champions League perse".

L'allenatore bianconero Massimiliano Allegri ha così parlato a Premium Sport dopo il pari della Juventus a Roma, valsa la matematica certezza dello Scudetto: "Giusto festeggino i ragazzi, sono contento perché hanno chiuso questo capitolo così abbiamo una settimana in più di vacanze visto che è stata un'annata dura, bella ed entusiasmante".

Serie A, probabili formazioni Roma-Juventus: Higuain per lo Scudetto
Una scelta di questo tipo metterebbe in difficoltà la Roma da tantissimi punti di vista diversi. "Lì abbiamo fatto la differenza". ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi , Manolas, Fazio , Kolarov; Strootman , De Rossi , Nainggolan; Under , Dzeko , El Shaarawy .


Dove si trovano nuove motivazioni dopo quattro anni di vittorie. Cercherai qualcosa di diverso? Ora non sono ancora lucido per rispondere bene a questa domanda. Alla Juventus come riparti le motivazioni le trovi. L'anno prossimo ci saranno giocatori che andranno via ed altri che arriveranno, con l'obiettivo di vincere. In quel momento lì ci vuole un pizzico di fortuna ma te la devi anche cercare. Emozione bellissima, vincere non è mai facile. Non era facile, siamo stati grandi, festeggeremo, contenti noi e tutti i nostri tifosi. Aspettiamo sabato per festeggiare assieme ai tifosi.

Il merito di questa squadra? "Abbiamo sempre mantenuto la calma". Se ti fai prendere troppo dall'entusiasmo, poi passano tre giorni e crolli. Se le cose non vanno bene devi lavorare, il lavoro psicologico è fondamentale, con gli sbalzi d'umore non vinci niente. Contento per lui. Non mi do un voto. Un traguardo straordinario già nell'aria da alcune settimane, ma adesso ufficiale. Ora la squadra potrebbe perdere uno dei suoi uomini simbolo, il capitano Gianluigi Buffon, che probabilmente si ritirerà a fine stagione dal calcio giocato. Nel calcio che è cambiato dal 1992, quando hanno tolto il passaggio indietro, gli ultimi dieci minuti sono altre partite. Ho avuto un grande uomo e un grande campione.

Latest News