Truffa dei due euro: attenzione al resto falso, ecco perché

La truffa dei 2 euro allarme di Federconsumatori ecco la moneta che truffa voi e anche i distributori automatici

Attenzione alla truffa della moneta: 10 Bath scambiati per 2 euro

Sono ancora in circolazione monete Thailandesi da 10 bath, molto simili alla nostra due euro. Anche Federconsumatori ha lanciato recentemente un allarme, raccomandando a italiani e stranieri in vacanza da noi a prestare attenzione ai resti, controllando che invece dei due euro previsti non vengano dati Bath o scellini kenioti: "stare molto attenti quando si fanno gli scambi di denaro e di valutare bene il resto, soprattutto in prossimità dei centri interessati da un grande afflusso di stranieri e turisti, perché è più facile che si verifichino truffe o errori". Attenzione al resto: spesso e volentieri, al posto dei 2 euro vi rifilano un'altra monetina. E' così che qualche furbetto cerca di ingannare i consumatori, fornendogli come resto una moneta decisamente simile a quella consueta, ma di fatto totalmente differente. Anche perché, vista la lungimiranza dei nostri responsabili di macchinette e distributori automatici che le hanno pensate, tali macchinette non riconoscono la differenza fra le due monete e per cui una volta messe in circolo finiscono anche là dentro. Questo tipo di moneta ha un valore pari a 25 centesimi italiani, ma la sua forma è molto simile a quella dei due euro.

Anche i cinque scellini del Kenya sono stati utilizzati recentemente per camuffare i due euro e rifilare una bella truffa ai clienti meno avveduti.

Le monete più utilizzate per la truffa sono i 10 bath provenienti dalla Thailandia.

Bohemian Rhapsody: primo teaser e poster del film sui Queen
Grande fermento per l'uscita del film dei Queen , lo storico gruppo musicale rock britannico, formatosi a Londra nel 1970. Robot , per la quale si aggiudica sia un Emmy come miglior attore e riceve due nomination ai Golden Globe .


La maggior parte dei distributori automatici, almeno quelli più obsoleti, non sarebbe neanche in grado di distinguere tra le due monete, molto simili per lega, colore e composizione, ma dal valore intrinseco estremamente sproporzionato.

Nel 2016 un esercente di Amalfi fu proprio vittima di questa truffa. Pensa la comodità di pagare con 0,25 centesimi un biglietto della metro che costa 1,50 ottenendo anche il resto di 0,50 centesimi.

Latest News