Ruby ter, nuovo rinvio a giudizio per Berlusconi: a processo per corruzione

Procura

Ruby ter, rinvio a giudizio per Berlusconi: andrà a processo per corruzione

Sarà processato un'altra volta per corruzione Silvio Berlusconi.

La procura di Torino ha chiesto il rinvio di giudizio per Silvio Berlusconi, accusato di corruzione di atti giudiziari nel filone torinese dell'inchiesta "Ruby ter". Il Pm ha chiesto anche il rinvio a giudizio della ragazza per calunnia, falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari.

L'udienza è stata rinviata al 1 giugno per la discussione della difesa di Berlusconi al termine della quale il gup dovrà decidere se sollevare il conflitto di competenze tra procure o accogliere la richiesta di rinvio a giudizio.

Playoff, Aquila non passa Avellino 80-59, serie sul 1-1
Rich prova a scavare il solco prima della terza sirena, ma chiudono il quarto ancora i liberi di Franke (60-42). L'ultimo periodo si apre con Gomes che guida la rimonta segnando 7 punti consecutivi.


Il processo riguarda le donazioni in denaro che lo stesso Berlusconi avrebbe fatto alla ragazza, per fare in modo che la stessa, durante le testimonianze nei processi di Milano, fornisse delle dichiarazioni false sulle cene che si consumavano nell'abitazione di Arcore del massimo esponente di Forza Italia.

Il procedimento romano è lo stralcio di una indagine condotta dalla Procura di Milano e poi "spacchettato" il 29 aprile del 2016 dal gup Laura Marchiondelli che ha inviato gli atti, oltre che a Roma, anche a Torino, Pescara, Treviso, Monza e Siena per competenza territoriale. Da qui sempre secondo gli avvocati la necessità di interpellare la Suprema Corte. Nell'udienza di oggi, l'avvocato dell'ex infermiera Stefano Tizzani ha chiesto di pronunciare sentenza di non luogo a procedere, perché i reati non sussistono.

Latest News