Esplode sigaretta elettronica e gli trafigge il cranio: muore a 38 anni

Morto per lo scoppio della sigaretta

Un uomo è morto a causa dell'esplosione di una sigaretta elettronica

Secondo l'US Fire Administration, tra il 2009 e il 2013 ci sarebbero stati 195 diversi episodi di esplosioni e incendi causati da sigaretta elettronica, che hanno provocando 133 lesioni acute, 38 delle quali gravi. L'autopsia ha rivelato che a ridurlo in fin di vita sono stati due frammenti della e-cigarette che nell'esplosione si sono conficcate nel cranio, facendogli perdere conoscenza ed impedendogli di mettersi in salvo.

[App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz - Apps on Google Play] Il suo cadavere è stato trovato lo scorso 5 maggio nella casa di famiglia a St. Petersburg.

Nazionale, Criscito spera in Mancini: "Ventura? Per lui la Russia era lontana"
Io con la Nazionale ho sempre avuto problemi da quel giorno di fine maggio del 2012 quando arrivarono i carabinieri a Coverciano. Piangevo, eccome se piangevo nel giro di campo assieme a mia moglie Pamela e ai miei cuccioli Alfredo e Alessandro.


Tallmadge D'Elia, un uomo di 38 anni, è morto per effetto dell'improvvisa esplosione della sua sigaretta a vapore. È il primo incidente mortale causato da un vaporizzatore elettronico. I risultati dell'autopsia sono appena stati pubblicati. Alcuni rapporti sostengono che proprio la sigaretta elettronica potrebbe essere la causa dell'incendio e della morte del trentottenne. Non abbiamo però molte informazioni sul tipo di modello o altro.

Latest News