Suicidio della liceale, chiesti fino a sei anni per i genitori

Si suicida a 16 anni chiesta la condanna per i genitori

Si suicida a 16 anni chiesta la condanna per i genitori"L'hanno istigata Oggi alle 20:48

In uno dei passaggi del video girato sul tetto della scuola la sedicenne accusava i genitori di averla odiata al punto che non avrebbero pianto per il suo suicidio. Oltre al filmato, sul tetto furono trovati diversi fogli di una lettera.

"Non si chiede di esprimere un giudizio morale, non bisogna decidere che persone erano i genitori e Rosita, quello che ci dobbiamo chiedere è: questa morte si poteva evitare?" Ma dice anche che le dispiace lasciare la vita, che avrebbe voluto fare tante cose, andare all'estero, avere un ragazzo, rendere felice qualcuno. Nonostante la convizione del gesto estremo, Rosita rimpiange nell'audio di non poter realizzare i suoi sogni, di lasciare la vita, ma poi aggiunge che non riesce più a vivere "segregata". Se da un lato di questo Rosita sembra quasi scusarsi, dall'altro, continua nel video, dovendosi difendere da una denuncia, forse potranno capire.

Illinois, studente espulso spara a scuola: colpito e arrestato da un agente
In una scuola americana, siamo a Dixon, a 130 km a ovest di Chicago, un ragazzo entra a scuola con un arma e inizia a sparare. Al momento non è dato sapere quali motivi abbiano spinto il giovane a tentare una strage.


Era il 17 giugno del 2014, quattro anni dopo, nell'aula del Tribunale di Forlì il pm ha chiesto di condannarli: sei anni di carcere per il padre e due anni e mezzo per la madre. Le ipotesi di reato sono di istigazione al suicidio per il padre, e maltrattamenti fino alla morte per il padre e la madre. Stando alle accuse, le privazioni, le umiliazioni, l'isolamento e l'anaffettività della famiglia hanno contribuito a tale disagio. Sempre secondo la pm, i genitori di Rosita erano consapevoli del ruolo "predisponente e cogente" che il loro comportamento aveva nel creare disagi e sofferenza alla figlia.

Latest News