Allegri: "Resto alla Juventus". E attacca il Napoli

JUVENTUS

JUVENTUS

Match che ha poco da dire ai fini del campionato visto che i bianconeri si sono laureati campioni d'Italia settimana scorsa allo stadio Olimpico contro la Roma con il pareggio per 0-0, mentre la squadra di Pecchia è retrocessa matematicamente due settimane fa.

Riguardo il ritiro annunciato di Gianluigi Buffon, il tecnico livornese commenta: "Che effetto farebbe incrociarlo da avversario?"

Che cosa l'ha sorpresa quando ha conosciuto Buffon? Aspettiamo un attimo, domani per lui e per tutti sarà una giornata storica, dopo 17 anni lascia la Juve penseremo a festeggiarlo. Poi ci penserà lui e saprà cosa fare - ha detto il tecnico -.

Ho una percentuale altissima, non ho mai avuto dubbi.

La formazione che scenderà in campo: "Cuadrado e Bernardeschi non ci saranno. Non si può mettere a confronto contro una squadra che ha giocato bene ma non ha fatto nemmeno una finale". "Sarebbe un altro bel traguardo, soprattutto per Gigi". Proprio la competitività della squadra non è un aspetto da sottovalutare.

È un Allegri carico quello che in conferenza stampa può finalmente togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Arriveranno giocatori caratteriali, come sempre.

Cadono da piattaforma, gravi tre operai
All'improvviso, per ragioni che sono al vaglio degli inquirenti, la piattaforma ha ceduto ribaltandosi. Le loro condizioni sono apparse subito gravi nonostante fossero ancora coscienti.


Allegri: "Probabilità altissime che resti alla Juventus".

"Ho sempre da guadagnare". Questa è la pura verità. Io ero diventato un allenatore inadeguato. Lì è il momento che mi diverto. Ci sono le esigenze dei giocatori.

- La sua Juventus più bella è stata anche la più forte? E la cosa mi fa da una parte sorridere e dall'altra mi fa un po' arrabbiare. "Quest'anno abbiamo giocato 53 partite e abbiamo cambiato 51 volte la formazione, con la media di 3-4 giocatori. Quindi la dimostrazione che la rosa è importante, che tutti i giocatori hanno dato il loro contributo e tutti hanno giocato più partite". "Sapevamo che un colpo loro lo avrebbero perso ed è successo a Firenze". In questa squadra ci sono giocatori in uscita come Lichtsteiner e Asamoah. Al San Paolo ha fatto il gol decisivo in una partita dove noi rischiavamo di andare a sette punti dal Napoli. Nel secondo anno la tenacia ci ha contraddistinto dagli altri.

- In finale di Champions ci sono due squadre che non lottano per il titolo nazionale: l'anno prossimo farete così anche voi? Il terzo Scudetto è stato quello della costanza, perchè siamo stati in testa dall'inizio alla fine. La Juve il prossimo anno punterà solo alla coppa? Servono sempre stimoli nuovi: un po' arrivano da dentro, un po' arrivano dall'esterno. Vincere aiuta a vincere. Giocherà in porta Buffon. Poi Alex Sandro, Marchisio, Sturaro, Pjanic o Bentancur. Davanti Dybala, Higuain e Douglas Costa. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

In chiusura due domande rapide a cui Allegri da risposte altrettanto sintetiche: "Cos'è lo stile Juve?".

Latest News