TORINO. Gli ricostruiscono il pene con un lembo del braccio

TORINO. Gli ricostruiscono il pene con un lembo del braccio

TORINO. Gli ricostruiscono il pene con un lembo del braccio

Utilizzando un lembo dell'avambraccio sinistro è stato ricostruito totalmente il pene a un paziente di 40 anni, a cui era stato amputato per l'insorgenza di un tumore.

Nuovo "miracolo" all'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, che sono riusciti a ridare un futuro ad un uomo di 45 anni, residente nel nord Italia, sposato e con prole. Alla visita urologica la lesione risulta sospetta per un tumore infiltrante del pene.

Il paziente è stato quindi sottoposto a una biopsia, che ha confermato il sospetto: tumore avanzato del pene.

La storia è cominciata quando gli era stata diagnosticata la malattia, che aveva colpito anche i linfonodi inguinali conosciuto anche come tumore al pene. Il trattamento viene poi completato con un ciclo di chemioterapia. Passano cinque anni, il paziente è completamente guarito, ma la sua virilità è ormai decisamente compromessa.

Delicato intervento chiurgico a Torino, dove una equipe medica ha effettuato un'operazione di ricostruzione del pene.

Buffon shock: "Nel 2004 la depressione: ecco come sono riuscito a sconfiggerla..."
Si attende l'esito della sentenza UEFA in merito agli episodi che videro coinvolto Buffon al termine di Real Madrid-Juventus . Gigi Buffon si racconta nel libro " Demoni " e torna con la mente al 2004, uno degli anni più difficili della sua vita.


Il paziente, dopo valutazione multidisciplinare, è stato sottoposto a un intervento di ricostruzione totale del pene con un lembo microrchirugico prelevato dall'avambraccio sinistro. Dopo otto ore sotto i ferri, l'operazione condotta dall'equipe del professore Paolo Gontero, coadiuvato da Marco Falcone e Massimiliano Timpano, e dal microchirurgo Davide Ciclamini, uomo ora ha la speranza concreta di poter tornare alla normalità.

"A distanza di due mesi dall'intervento - commenta Gontero - possiamo dichiararci soddisfatti per la riuscita dell'intervento che ha restituito al paziente la sua mascolinità".

Anche se è un evento raro, può causare delle menomazioni pesantissime nei pazienti, soprattutto quelli colpiti in giovane età.

Il trattamento deve essere pertanto integrato, finalizzato in primis a guarire il tumore, ma con l'obiettivo non meno importante di ricostruire in un secondo tempo le mutilazioni genitali derivate dai necessari trattamenti demolitivi. Gontero) organizzerà il 31 maggio e l'1 giugno, presso l'Aula Magna dell'ospedale Molinette (corso Bramante 88). Esperti interverranno con l'esecuzione di interventi, in diretta streaming, di ricostruzione di complesse anomalie dei genitali e dell'uretra.

Latest News