Negò torta per nozze gay, Corte Suprema Usa dà ragione al pasticciere

Usa, si rifiuta di fare la torta per un matrimonio gay: la Corte suprema gli dà ragione

Pasticciere si rifiutò di preparare la torta di nozze a coppia gay, la Corte suprema Usa gli dà ragione

Il pasticciere si rifiuta di realizzare una torta di matrimonio per una coppia gay.

Nel 2012 una coppia gay composta da David Mullins e Charlie Craig si è rivolta alla pasticcieria Masterpiece Cakeshop di Lakewood (Colorado) perché stavano cercando una torta per il loro imminente matrimonio.

E' stato un caso che ha diviso in due l'America.

L'opinione della maggioranza della Corte Suprema ha deciso che l'episodio della torta è "un esempio istruttivo" di "applicazione delle libertà costituzionali in nuovi contesti".

Recensione Honda Accord 2016
Per garantire la sicurezza del conducente e dell'auto, la telecamera posteriore è integrata con dei sensori di parcheggio. A seconda dell'intensità della pioggia battente sul parabrezza, i tergicristalli si regoleranno automaticamente.


I gruppi che difendono i diritti degli omosessuali temono che la sentenza contro la coppia possa creare un precedente nel trattamento dei matrimoni gay. In particolare la Commissione affermò che "la libertà religiosa e la religione sono stati usati per giustificare nel corso della storia ogni tipo di discriminazione, dalla schiavitù all'Olocausto, per non citare centinaia di altre situazioni". Il pasticciere in questione è un fervente cattolico e considera la sua attività come una vera e propria forma d'arte che, pertanto, non può essere "costretta" da commissioni di clienti che non condivide.

IL VERDETTO. Secondo la Corte Suprema una simile definizione della religione non è solo "inconsistente e insincera", ma anche "inappropriata per una Commissione incaricata con la solenne responsabilità di essere giusta e neutrale nell'applicare una legge che protegge dalla discriminazione". Il motivo? Era in contrasto con la sua fede cristiana. Adesso, la Corte Suprema del Colorado gli dà ragione.

Prima di questa data era già stato reso legale nella capitale Washington, nel territorio del Guam e in 38 stati della federazione, tra i quali anche il Colorado.Dal giugno 2013, a seguito di una sentenza della Corte Suprema, che ha dichiarato incostituzionale il DOMA (Defense of Marriage Act), i matrimoni fra persone dello stesso sesso sono riconosciuti anche a livello federale. Lui rispose che invece la richiesta andava contro la sua libertà religiosa. "Dopo quasi sei anni di sanzioni civili illegali, riconosciamo che nel caso del signor Phillips c'è stata una violazione del Primo emendamento".

Latest News