Flat Tax per le imprese già nel 2019

Tony Gentile  Reuters

Tony Gentile Reuters

"Beh, informo Bagnai e il 'governo del cambiamento' che per le imprese c'è l'Ires da tempo e che i nostri governi, quelli a guida Pd l'hanno anche ridotta recentemente".

Non è ancora chiaro, invece, se la riduzione delle imposte dirette per imprese e famiglie sarà finanziato lasciando che scattino gli aumenti dell'Iva, come evocato dal neo ministro dell'Economia Giovanni Tria: in tal caso sarebbe lecito aspettarsi effetti depressivi sui consumi. L'importante è che ci guadagnino tutti: se uno fattura di più, risparmia di più, reinveste di più, assume un operaio in più, acquista una macchina in più, e crea lavoro in più. A questo serve la annunciata rivoluzione fiscale, a far guadagnare chi è più ricco. "Io spero e farò di tutto perché tutto il pacchetto della flat tax venga fatto quest'anno". Daremo priorità alle imprese "perché è più facile".

Salvini: flat tax? Prima pace fiscale C'è poi l'indicazione del vicepremier e segretario federale del Carroccio. E proprio per le famiglie la prima pietra sarà posata nel 2019, ma con dei parametri che andranno a perfezionarsi solo nel 2020, quando tutto sarà definitivamente sistemato. "Il secondo intervento sarà sulle imprese, dall'anno prossimo interverremo sulle famiglie".

Preoccupazione per Nadia Toffa: scompare dai social ma compare una sua foto
Dopo il malore e il ricovero in ospedale , Nadia aveva scoperto di avere un tumore e ora sta affrontando la chemioterapia . A questa macabra fake news aveva risposto la stessa Toffa pubblicando una foto in cui faceva le corna.


Siri: risposta di Bagnai è stata strumentalizzata La risposta sulla flat tax del professor Bagnai - ha chiarito oggi Siri - è stata strumentalizzata. Per le famiglie con due redditi e un figlio i risparmi rispetto al sistema attuale inizierebbero invece sopra i 40.000 euro, con un aggravio fiscale inferiore dell'1,6% rispetto al sistema in vigore. Sulle imprese fanno finta di non sapere che abbiamo già fatto noi: Ires (dal 27,5 al 24%) e Iri (al 24% per le Pmi). Dopo il voto del 4 marzo, la flat tax è quindi entrata nel programma di governo stipulata dalla Lega assieme ai 5 Stelle. Il problema, aggiunge Siri "è solo quello di mettere a punto per bene il provvedimento". Potrebbe partire, per esempio, dalle famiglie più numerose. Ma appunto, dipenderà dall'architettura generale che stiamo studiando.

Ideata per la prima volta nel 1956 dall'economista statunitense Milton Friedman, la flat tax è, letteralmente, una 'tassa piatta', ossia un sistema fiscale non progressivo, basato su un'unica aliquota fissa. Il che richiede un'elaborazione più complessa. Infine, sul costo della flat tax, Siri dice: "Vale 50 miliardi, sono soldi che non entrano nel sistema dello Stato ma in quello della spesa".

Latest News