Ticinonline - Howard Schultz saluta Starbucks

Starbucks shareholders meeting

Howard Schultz, il presidente di Starbucks punta alla Casa Bianca

Howard Schultz ha deciso di mettere fine alla sua avventura in Starbucks, iniziata quando nel 1981 mise piede nel primo negozio del gruppo dentro il Pike Place Market a Seattle (nello Stato di Washington). E la sua uscita torna ad alimentare le voci di una sua possibile discesa in politica: secondo alcuni potrebbe essere quel volto nuovo e quel leader di cui democratici hanno disperatamente bisogno.

L'addio di Schulz non è piaciuto al mercato: Starbucks perde infatti a Wall street il 3%. Il 26 giugno passerà il testimone a Myron E. Ullman, scrive il Daily Mail. Come noto il manager è un fiero oppositore della Casa Bianca. Successivamente decide di ritornare in Starbucks come amministratore delegato: Howard Schultz lascia Starbucks dopo essere divenuto suo Presidente e averla portata in tutto il mondo, attraverso la diffusione del marchio. Da diverso tempo sono molto preoccupato per il nostro paese, per le crescenti divisioni al suo interno e per la nostra posizione nel mondo - afferma -. "Una delle cose che voglio fare nel prossimo capitolo della mia vita è valutare il ruolo che posso avere per restituire" quello che ho avuto dagli Stati Uniti. E rispondendo a una domanda diretta su una possibile candidatura alla presidenza, ha risposto: "Intendo riflettere su una gamma di opzioni, e queste potrebbero includere il servizio pubblico. Ma la strada è ancora lunga prima di assumere una decisione per il futuro". L'ex amministratore delegato di Starbucks è considerato da molti una delle opzioni per il Partito Democratico, soprattutto dopo la ritirata di Robert Iger: anche l'amministratore delegato di Walt Disney aveva infatti considerato una sua possibile candidatura alla Casa Bianca, ma il piano è poi tramontato.

Migranti, la rabbia della Tunisia dopo gli attacchi di Salvini
Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini , rispondendo alle domande dei cronisti in Transatlantico. O l'Europa ci dà una mano a mettere in sicurezza il nostro Paese, oppure dovremo scegliere altre vie".


Colui che ha preso e rivoluzionato il settore dei bar rendendoli più innovativi, dei veri e propri luoghi di lavoro e tanto altro, esce di scena.

Latest News