G7 caos, Germania: "Trump ha distrutto la sua credibilità". Insulti Usa-Canada

Perché proporre il G8 è un grave errore di valutazione

Conte al G7, riunione a quattro con leader Ue prima di summit

Dalle prime immagini trasmesse dalla tv Channel NewsAsia, è stato possibile riconoscere alcuni dei componenti della delegazione nordcoreana, tra cui Kim Yong-chol, il vice presidente del Partito dei Lavoratori considerato il braccio destro di Kim Jong-un e che nei giorni scorsi è stato ricevuto alla Casa Bianca da Donald Trump al quale ha consegnato una missiva personale del "supremo comandante". E infatti alla fine Trump ha ritirato la firma del documento congiunto, attaccando il premier canadese Justin Trudeau: "Un disonesto e un debole".

Questo genere di documenti sono tipici di questo genere di vertici: vengono concordati più che altro dagli staffer dei leader e di solito servono a indicare più che questioni operative l'unità d'intenti tra i capi di stato e di governo presenti. Ma la repentina decisione di Trump di strappare un'intesa per quanto fragile rappresenta un nuovo terremoto in una girandola di tensioni e confusione transatlantica che solleva ancora una volta interrogativi sulla stabilità e serietà della leadership statunitense nell'era di America First. Provando una semplificazione: Trump sostiene che i paesi del G7, sebbene siano amici dell'America, si comportino in modo scorretto.

Il colpo di scena ha scosso lo stesso establishment politico di Washington, nutrendo nervosismo e critiche più o meno velate al Presidente. Sostengono uno sbilancio import/export che sfavorisce gli Stati Uniti e sfruttano contemporaneamente la protezione e l'allineamento con la potenza americana per propri interessi.

Amazon assuma 1.300 persone
Il segretario della CIGL di Piacenza , Fiorenzo Molinari , ha dichiarato di volere "un incontro con l'azienda e le agenzie di somministrazione per parlare della vicenda".


In precedenza, Trump ha detto che il ritorno della Russia nel G8 sarebbe un passo utile per tutti i paesi membri del gruppo. Durante cene e incontri privati si era inoltre lasciato andare in scomposte arringhe contro gli alleati, stando a funzionari francesi, anche se Macron si era sforzato di definire il vertice un successo nonostante tutto.

Secondo un alto esponente della Casa bianca, il summit non ha un esito già segnato. "Faremo del nostro meglio per ridurre le barriere tariffarie, le barriere non tariffarie e le sovvenzioni". Tutte parole ora sconfessate, con conseguenze tutte da verificare, da Trump con i suoi tweet.

Latest News