Pensioni più basse, cambiano i coefficienti di trasformazione

Queste misure andrebbero invece collocate in un contesto diverso perché sarebbe sbagliato rimuovere dalla discussione il tema di una nuova legge sulle pensioni, che superi strutturalmente l'impianto della Legge Fornero, e che si basi su un sistema previdenziale pubblico solidaristico che unifichi le generazioni e le diverse condizioni lavorative. Il calcolo si applica alla parte contributiva della pensione a partire dal 2012 per chi aveva già versato almeno 18 anni di contributi alla fine del 1995, mentre per gli altri dal 1996 in poi. Prova a fare una previsione realistica il Corriere Economia ipotizzando, in definitiva - attraverso le simulazioni esclusive di Progetica (società indipendente di consulenza in educazione e pianificazione finanziaria e previdenziale) - che tutto si possa risolvere in meno anni di lavoro e con una corresponsione di assegni più stringati.

I nuovi coefficienti che modificheranno le pensioni, potete visualizzarli nella tabella sottostante (la tabella si trova in allegato al decreto). Con la quota 100, chi ci rimetterebbe?

Pensioni 2019: pubblicati i nuovi coefficienti di trasformazione da applicare per il calcolo delle pensioni relative al prossimo biennio 2019 e 2020.

. In prima fila al momento c'è infatti un pacchetto di semplificazioni per gli appalti con le prime mosse per la riforma dei centri per l'impiego. In attesa dell'annunciata riforma strutturale delle pensioni, i datori di lavoro devono scegliere tra gli strumenti a disposizione, confrontando i costi dell'esodo ed il relativo risparmio del costo del lavoro: come operare? Le numerose discrepanze tra quanto riportato nell'estratto conto assicurativo dell'Inps e quanto risulta dai certificati di servizio rilasciati dalle varie istituzioni scolastiche. Il numero uno dell'istituto di previdenza non ha fatto niente in passato per dare una ragione a Luigi Di Maio e Matteo Salvini per non pensare ad un cambiamento. Si ritornerebbe, in somma, al periodo precedente alla Riforma Fornero. La Lega starebbe già allungando lo sguardo sulla poltrona di Boeri: pare che Giancarlo Giorgetti stia pensando ad Alberto Brambilla come successore.

La Fiorentina fissa il prezzo per Chiesa
Il club gigliato è irremovibile e la cifra da cui parte l'asta sembra essere di 80 milioni senza contropartite. La Fiorentina , però, non ha intenzione di considerare offerte sotto gli 80 milioni di euro cash.


La quota 100 unita alla revoca dell'Ape sociale rischia di colpire negativamente le categorie più deboli.

Il nuovo governo M5S-Lega ha annunciato che metterà mano alla riforma Fornero: l'obiettivo è l'introduzione di quota 41 e quota 100. L'Ape sociale, che attualmente offre una scialuppa di salvataggio alle categorie socialmente più deboli, andrebbe però in soffitta. Resta da capire se il limite dei due anni figurativi persisterà anche con riferimento a questo canale di uscita o meno.

Prendiamo per esempio il caso della maggior parte dei lavoratori italiani che non riescono a maturare i requisiti per la pensione anticipata e che quindi potranno andare in pensione solo a 67 anni nel 2019/2020 e a 67 anni e 3 mesi nel 2021. Altrimenti ci rimetteranno ancora una volta coloro che hanno lunghi periodi di disoccupazione indennizzata e integrazioni salariali alle spalle.

Latest News