Bce, stop al quantitative easing da gennaio

Riuniti a Riga, i governatori europei hanno deciso di procedere in questo modo: da ottobre a dicembre gli acquisti di titoli passeranno da 30 miliardi a 15 miliardi al mese.

TASSI & VALUTE - Il presidente della Bce ha rassicurato i mercati precisando che i tassi sull'euro rimarranno invariati per almeno un anno e la moneta unica ha accolto la definizione temporale con un leggero indebolimento sul dollaro, a fronte di una Fed che invece si propone più aggressiva per frenare l'inflazione.

La decisione di terminare il Qe è stata presa - ha spiegato Draghi - dopo "un'attenta valutazione dei progressi fatti", la cui conclusione è che l'aggiustamento dell'inflazione verso l'obiettivo è "sostanziale". Un buon segno per il futuro dell'Italia nell'euro e nell'Europa. I Paesi dovranno rinunciare a un importante acquirente, che ad oggi acquista in media circa 200 milioni di euro al giorno di titoli di Stato italiani, a prescindere dall'andamento dello spread o da altri rischi valutati dagli investitori.

Peraltro, nonostante l'espressione non piaccia a molti politici, i mercati stessi inducono alla disciplina: il drammatico allargamento dello spread non passa inosservato anche ai politici e allarma anche chi pretende che la politica nazionale non debba essere dettata dalla finanza.

Per quel che riguarda la crescita, Draghi non nasconde un aumento dell'incertezza, legata in particolare a fattori globali, come il commercio estero, e avverte che il rallentamento economico in atto nell'area euro potrebbe protrarsi in alcuni paesi anche nel secondo trimestre.

A differenza di quanto è stato sostenuto nel corso della polemica, la Bce e le Bcn non "fanno il prezzo" quando acquistano sul mercato secondario: ogni acquisto viene eseguito presso l'intermediario che offre di vendere al prezzo più basso.

MotoGP: Jorge Lorenzo conquista la pole position in Catalunya
Lui guida con uno stile un po' diverso, forse c'era modo di farlo anche noi. Malissimo l'altra Ducati di Dovizioso , caduto dopo poche curve.


Il mercato italiano, tipicamente caratterizzato da un elevato volume di scambi, da numerose banche pronte a dare liquidità e profondità alle quotazioni, ha perso questi connotati durante le fasi acute della crisi e fatica a recuperare livelli di funzionalità accettabili.

L'Euro ha subito risentito dell'annuncio.

Tali forze politiche, del tutto incuranti della natura transitoria del Qe, che ha rappresentato per l'Italia il principale fattore di stabilità economica e finanziaria, hanno vinto le elezioni su una linea di deficit-spending incommensurabilmente più spinta - dunque tale da mandarci a sfracellare contro un muro di cemento armato - rispetto a quella realizzata da Renzi.

Eppure, per il capo della Bce, non è stata una scelta facile.

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione.

Nelle ultime settimane si è parlato molto del destino dei Btp italiani, in seguito alla bozza di governo che lasciava trapelare un eccessivo euroscetticismo. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Latest News