Benzina e diesel, ribassi Eni

Chiudi
   Apri

Chiudi Apri

Questo tipo di carburante, già finito nella bufera per il suo alto livello di inquinamento, nel nostro Paese è anche molto caro, arrivando a un prezzo più alto che in tutti gli altri Paesi europei.

Lo rivela il Codacons, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, che ha elaborato gli ultimi dati sui listini dei carburanti diffusi dalla Commissione europea, e che denuncia come i prezzi così alti siano dovuti alle forti tassazione imposte dallo Stato. L'ultimo ribasso Eni si era registrato il 15 febbraio.Queste sono le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 14mila impianti: benzina self service a 1,646 euro/litro (invariato, pompe bianche 1,620), diesel a 1,519 euro/litro (invariato, pompe bianche 1,497).

Aquarius cambia rotta e punta la Sardegna: "Maltempo insopportabile". Salvini: "Problemi loro"
Incerta, invece, resta la tappa intermedia ma non si esclude un attracco al porto di Arbatax , in Ogliastra . L'Aquarius procede con una sola preoccupazione: che il mare non si alzi troppo.


Con un prezzo medio pari a 1,528 euro al litro l'Italia, infatti, ha superato la Svezia piazzandosi così al primo posto dei paesi europei per costo del gasolio.

Per quanto riguarda la benzina, l'Italia sale dal quarto al terzo posto: con una media di 1,648 euro al litro è dietro solo a Olanda e Grecia. Secondo fonti Ansa, il Codacons ha richiesto un incontro urgente al governo.

Latest News