Poste, accordo con i sindacati. Più di 1.500 assunzioni entro l'anno

ANSA  AP									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA AP +CLICCA PER INGRANDIRE

"Poste Italiane ha siglato un accordo per le politiche attive del lavoro con le Organizzazioni sindacali Slp- Cisl, Slc- Cgil, UilPoste, Failp-Cisal, Confsal Com, Fnc-Ugl Comunicazioni". Fin qui tutto bene, ma per garantire un ulteriore miglioramento del servizio anche in condizioni di crescita è necessario aprire nuove possibilità logistiche. E chi meglio di Poste Italiane può raggiungere, con trentamila portalettere, la totalità del territorio e offrire opzioni di consegna non ancora previste? Le richieste si aggiornano di continuo, per far fronte a quelle che sono le necessità specifiche in determinati luoghi d'Italia. I posti disponibili riguarderanno le sale di consulenza delle filiali di Poste Italiane.

Uno dei risvolti è anche nelle garanzie di tenuta per l'occupazione in un settore che senza questa "svolta storica" nel settore dei pacchi, come la definiscono i manager di Poste, sarebbe rimasto legato al declino della corrispondenza tradizionale: "Grazie a questo accordo Poste Italiane - sottolinea l'azienda - accelera lo sviluppo dell'e-commerce in Italia con positive ricadute sugli investimenti in tecnologia e sull'occupazione". Entro la fine del corrente anno, infatti, ci sono 1500 nuove assunzioni in arrivo. I nuovi posti di lavoro disponibili saranno ricoperti tramite la stabilizzazione dei contratti a tempo determinato; le trasformazioni dei contratti part-time in contratti full-time. Il blocco delle assunzioni dovrebbe proprio iniziare con questo principio: 1080 lavoratori che hanno già prestato servizio presso Poste Italiane, a tempo determinato e in condizione di precarietà, vedranno migliorata la loro posizione attraverso un'assunzione a tempo indeterminato. Ovviamente, la differenza fondamentale è la prospettiva di lavoro differente, che pone i lavoratori in una situazione migliore rispetto a prima.

Da gennaio finisce il sostegno della BCE ai titoli di Stato
E' importante - ha osservato inoltre -"non drammatizzare" gli eventi politici e le scelte politiche dei singoli Paesi. La Federal Reserve alzi i tassi fino al 2%.


Le parti si incontreranno nuovamente nei prossimi mesi per stabilire nel dettaglio le politiche attive del lavoro da realizzare nel 2019 e nel 2020. Il valore del contratto ed i volumi delle spedizioni che prevede non sono stati resi noti dalle due aziende.

Latest News