Gli US Open di golf a Brooks Koepka

Gli US Open di golf a Brooks Koepka

Gli US Open di golf a Brooks Koepka

"É un sogno, mai avrei pensato di poter realizzare un sogno così bello". Delusione per il numero 1 mondiale Dustin Johnson, che dopo aver fatto corsa in testa dall'inizio del torneo si è alla fine dovuto accontentare della terza piazza (283). Quinto posto per Tony Finau (+5), 6/o per il britannico Tyrrell Hatton, lo svedese Henrik Stenson e gli statunitensi Daniel Berger e Xander Schauffele (+6). Nell'ultimo giro, l'italiano è partito malissimo con tre bogey nelle prime 10 buche, per poi rimediare con tre birdie alla 12, 14 e 15 e chiudere con altri due sanguinosi bogey alla 17 e alla 18 che gli sono costate almeno una decina di posizioni in classifica. Per il golfista statunitense si tratta del secondo successo consecutivo nel major americano. "Non ho giocato al top delle mie possibilità - ammette il piemontese - e sono rammaricato per i due putt sbagliati nel finale". "I prossimi impegni? Adesso godrò di una settimana di pausa poi dovrò decidere se giocare l'Hina Open de France (in programma dal 28 giugno al 1°luglio al Le Golf National di Parigi, teatro della prossima Ryder Cup) o il Quickens Loans National di Washington". Per un successo arrivato su un campo probante, che ha messo a dura prova i giocatori.

Il Messico c'è e dà una lezione alla Germania
Si inizia alle ore 14.00 con Costa Rica-Serbia: il match della Samara Arena di Arena verrà trasmesso in diretta su Italia 1 . Insomma, un'altra grande favorita del torneo non ingrana e anzi - nel caso dei tedeschi - proprio latita.


Ha ceduto l'inglese Justin Rose, 10° con 287 (+7), hanno recuperato il giapponese Hideki Matsuyama, 16° con 290 (+10), e Rickie Fowler, 20° con 291 (+11), e stesso score di Molinari anche per Justin Thomas e per l'inglese Ian Poulter. Allo Shinnecock Hills GC di Southampton (New York) medaglia di bronzo per Dustin Johnson (+3), che dopo aver dominato la gara nelle prime due manche d'apertura nel penultimo atto del torneo ha gettato al vento una vittoria che sembrava certa. Solo 48° Phil Mickelson (+16), al pari del vigile del fuoco Matt Parziale, tra le grandi sorprese di un torneo stellare che ha consegnato a Koepka un assegno di oltre 2 milioni di dollari su un montepremi complessivo di 12 (il più alto in assoluto). Un rientro col botto dal sapore speciale per Koepka, l'uomo dello U.S. Open e dei major.

Latest News