Chiusi negozi cannabis 'light',era droga - Ultima Ora

Il Consiglio Superiore di Sanità boccia la vendita della

Cannabis light, parere del Consiglio superiore di sanità: “Pericolosità non può essere esclusa,…

Due i quesiti posti: se questi prodotti siano da considerarsi pericolosi per la salute umana, e se possano essere messi in commercio e a quali condizioni.

Solitamente il Consiglio "esprime dei pareri al ministro della Salute" e questi pareri, aggiunge la presidente all'Adnkronos Salute, "sostanzialmente fanno parte di un dossier più ampio che può dar luogo a una discussione in sede politica e anche a ripercussioni legislative". Per le sue caratteristiche farmacocinetiche e chimico-fisiche Thc e altri principi attivi inalati o assunti con le infiorescenze di cannabis sativa possono penetrare e accumularsi in alcuni tessuti, tra cui il cervello e grasso, ben oltre le concentrazioni plasmatiche misurabili, con un consumo che avviene al dì fuori di qualsiasi possibilità di monitoraggio e controllo delle quantità effettivamente assunte. "Non appare in particolare che sia stato valutato il rischio al consumo di tali prodotti in relazione a specifiche condizioni, quali ad esempio età, presenza di patologie concomitanti, stati di gravidanza/allattamento, interazioni con farmaci, effetti sullo stato di attenzione, così da evitare che l'assunzione inconsapevolmente percepita come 'sicura' e 'priva di effetti collaterali' si traduca in un danno per se stessi o per altri (feto, neonato, guida in stato di alterazione)". Un parere che era stato richiesto dalla segreteria del Ministero della Salute nel febbraio scorso.

Maturità 2018, è il giorno della seconda prova: tutte le tracce
In ambito Storico-Politico , tracce su masse e propaganda; nel Tecnico-Scientifico , il dibattito bioetico sulla clonazione . Al liceo delle Scienze umane è uscita la traccia: "Diritti umani e e principi democratici" Nella prova un brano di Conrad P.


Ad annunciarlo è stato Marco Perduca, ex-senatore radicale e portavoce dell'Associazione Luca Coscioni, presente nei giorni scorsi a Ginevra durante la sessione aperta della Commissione di Esperti sulle Dipendenze da Droga dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che, quindi, per la prima volta nella storia delle Nazioni unite informa di avviare una revisione delle proprietà terapeutiche della cannabis. Un fulmine a ciel sereno, ora che la vendita e la diffusione della cannabis light stanno spopolando.

Questo naturalmente è il parere del CSS che è importante sottolineare non è vincolante per il Ministero della Salute. I pareri possono essere espressi anche "in ogni altro caso in cui le Direzioni generali ne facciano richiesta per l'adozione di provvedimenti normativi o amministrativi e nella eventualità che l'Autorità giurisdizionale richieda la consultazione dell'Organo per decidere contenziosi". Eppure è notizia di oggi che il Consiglio superiore di sanità (CSS) ha espresso il parere contrario alla vendita di cannabis light, legale in Italia dal 2017.

Latest News