Mondiali, Argentina-Islanda 1-1: Brutto pari per l'albiceleste, Messi sbaglia un rigore

Leo Messi

Leo Messi

La Pulce avrebbe potuto dare all'Argentina il successo sui 'geyser boys' dell'Islanda, ma al 19' st si è fatto parare il rigore del possibile 2-1 e alla fine è stato pareggio, dal sapore ben diverso da quello del Portogallo. L'Albiceleste tenta il serrate, ma l'Islanda si difende con ordine.

24' FINNBOGASON 1-1 - Azione movimentata dell'Islanda, Caballero respinge il primo pallone sull'inserimento di Bjarnason, ma non può niente sul tocco ravvicinato di Finnbogason. La gioia dura appena quattro minuti. Prima dell'intervallo i sudamericani protestano anche per un paio di episodi dubbi in area islandese (un contatto fra Meza e Gylfi Sigurdsson, un tocco di mani sempre di Sigurdsson) che l'arbitro polacco Marciniak considera regolari. Al 63', però, Messi, autore di una partita opaca, crossa per Meza, che viene atterrato in area da Magnusson.

ISLANDA (4-4-1-1): Halidorsson; Saevarsson, Ingason, R. Sigurdsson, Magnusson; Gudmundsson, Gunnarsson, Halfredsson, Bjarnason; G. Sigurdsson; Finnbogason.

Ilva, le associazioni: non c'è alcuno spazio per la paventata "ambientalizzazione"
Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio avvia oggi, lunedì 18 giugno, una serie di incontri sull'Ilva , in merito alla crisi dell'acciaieria di Taranto .


"Ovviamente fa male aver sbagliato il rigore che ci avrebbe portato in vantaggio", ha ammesso Leo dopo la partita. Brutto inizio per la Pulga, totalmente oscurata dalla meravigliosa tripletta di Cristiano Ronaldo nel match di ieri con la Spagna.

Il gioco islandese in questo anno e mezzo ha dovuto fare di necessità virtù, dopo il grave infortunio del gigante Sigthorsson, il quale era la perfetta portaerei per i lanci che gli arrivavano e grazie ai quali lui poteva fare sponde per i compagni. A seguire l'Islanda ha perseverato nel tentativo di affondare dalle parti di Caballero, per poi, però, ritrarsi inevitabilmente all'indietro nei secondi quarantacinque minuti, ed è lì che è venuta fuori la vera anima della squadra scandinava.

Latest News