Migranti sulla nave Open Arms Salvini: "Si scordino i porti italiani"

Open Arms salva 50 migranti al largo della Libia, Salvini: «Scordatevi l’Italia»

Migranti, in 59 salvati da Open Arms. Salvini: "Si scordino un porto italiano"

"Erano solo carne umana (così il ministro dell'Interno aveva definito i migranti che salgono sulle navi Ong, ndr)", afferma il presidente e fondatore di Open Arms, Oscar Camps, denunciando che da domenica scorsa alla Ong "non viene consentito di agire". Nei giorni scorsi, un'altra nave umanitaria, la Aquarius di Sos Mediterranèe si è vista negare l'accesso in acque maltesi ed è stata costretta a fare rotta fino a Marsiglia per effettuare rifornimento e cambio di equipaggio.

Intanto è arrivato il primo provvedimento del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli che ha chiuso i porti italiani proprio all'Ong battente bandiera spagnola, un assist a favore di Salvini: "In ragione della nota formale che mi giunge dal Ministero dell'Interno e che adduce motivi di ordine pubblico", è stata la giustificazione dell'esponente del Movimento 5 Stelle. Oggi la Ong spagnola (anche con la nave Astral) ha soccorso in mare 59 persone alla deriva, ma ha anche puntato il dito contro la Guardia costiera italiana e quella libica per il naufragio di ieri nelle acque della Libia, che ha causato 3 morti e 100 dispersi.

In un articolo su El Diario Gabriela Sanchez, che era a bordo della nave Open Arms, ricostruisce quanto accaduto: l'accusa all'Italia è di non aver avvertito l'imbarcazione. L'imbarcazione è ora alla ricerca di un porto sicuro, e l'intervento di Salvini non si è fatto attendere.

Il governo spagnolo ha autorizzato la nave Open Arms con i 60 migranti salvati davanti alla Libia a sbarcare a Barcellona. Questa volta tocca alla Ong catalana Proactiva Open Arms.

Ferito è figlio di Ventura e Bettarini
Non è ancora chiaro il motivo del gesto da parte dei responsabili e sono in corso le indagini per fare chiarezza sull'accaduto. Come riportato da Repubblica che ha parlato con il gestore della discoteca, la serata è trascorsa senza alcun problema .


A corredo del post, la guardia costiera libica ha pubblicato un video in cui in effetti si vede una nave carica di migranti e, in lontananza, un gommone in manovra. Abbiamo chiamato Roma chiedendo se c'era bisogno che andassimo a soccorrere e ci hanno detto che era già stata intercettata da una motovedetta della guardia costiera libica.

Questa nave si trova in acque Sar della Libia, porto più vicino Malta, associazione e bandiera della Spagna: si scordino di arrivare in un porto italiano.

Del resto, spiega Di Maio, "questa, a livello europeo, non è una partita in cui c'è chi vince e c'è chi perde, secondo me ieri abbiamo stabilito prima di tutto un principio". "Questi sono fatti non opinioni", ha scritto Farrugia, accludendo una mappa della zona, con le distanze fra il luogo del salvataggio, Malta e Lampedusa. La Ong ha informato sul suo profilo Twitter di aver soccorso un gommone con a bordo 59 migranti al largo di Tripoli. Le persone a bordo ci urlavano 'NO LIBIA'.

Latest News