Nastri d’Argento 2018: trionfa Dogman di Matteo Garrone

Nastri d'Argento 2018 i vincitori

Garrone pigliatutto ai Nastri d'Argento; otto riconoscimenti per Dogman

La cerimonia di consegna dei premi, consegnati al Teatro Antico di Taormina, andrà in onda su Raiuno venerdì 6 luglio. Al momento per questo secondo film il successo è stato del tutto oscurato dal successo di Dogman, ma tra gli appassionati del genere è piaciuto e non poco.

Alla 72esima edizione dei premi la pellicola dai colori lividi ottiene otto riconoscimenti: miglior film dell'anno, regia, produzione, scenografia, sonoro, montaggio, casting director e come miglior attore protagonista condiviso dai due attori principali: Marcello Fonte (il "Dogman", l'uomo dallo sguardo innocente, il canaro) ed Edoardo Pesce nella parte di un feroce ex pugile che vessa chiunque gli capiti a tiro e l'intero quartiere.

Infine, Edoardo Leo è per il Sindacato Giornalisti cinematografici 'Personaggio dell'annò. Elena Sofia Ricci ha vinto il premio come Migliore attrice protagonista, mentre Riccardo Scamarcio e Kasia Smutniak il premio come migliori attori non protagonisti. Riccardo Milani racconta la storia di due mondi che si incontrano e scontrano, quello della periferia romana e quello borghese e liberal della politica. Un altro grande favorito alla vigilia, Ammore e malavita dei Manetti Bros, ha ottenuto soltanto il premio per Miglior musica e Miglior canzone.

A La terra dell'abbastanza dei fratelli D'Innocenzo va il Nastro per l'opera prima; Luciano Ligabue vince invece il il miglior soggetto per Made in Italy, ritirando anche l'Hamilton behind the camera Award.

Mercato Roma, dalla Spagna: il Chelsea offre 70 milioni per Alisson
Con questa dichiarazione il direttore sportivo della Roma Monchi , ha messo di fatto all'asta il portiere brasiliano . Ed è lui stesso ad aver indicato dove andare a giocare nelle prossime stagioni.


Un trionfo assoluto in un'edizione, come sempre realizzata con il sostegno del Mibact e del main sponsor BNL Gruppo Bnp Paribas, in cui ha ricevuto premi importanti anche Paolo Sorrentino.

Per la fotografia Nastro d'argento a Gianfilippo Corticelli per "Napoli velata" di Ferzan Ozpetek, per i costumi a "Agadah" e "A ciambra", per il sonoro in presa diretta ex aequo a "Dogman" e L'intrusa. E a Dogman è andato anche il premio per la scenografia (Dimitri Capuani).

A Taormina l'ultima manche di un palmarès che in un anno speciale per il cinema italiano ha segnalato anche il talento e il valore di protagonisti dell'annata come Gabriele Salvatores (Nastro 'Argentovivo' cinema&ragazzi) autore de 'Il ragazzo invisibile - Seconda generazione', ma anche Paolo Virzì ('Ella&John - The leisure seeker') e Vittorio Storaro per la 'cinematografia' del film di Woody Allen 'La ruota delle meraviglie'. Ancora: a Roma per la fiction e a Lamezia Terme sono stati consegnati i Nastri della legalità, nati quest'anno in collaborazione con il festival Trame: premiati Prima che la notte di Daniele Vicari con Fabizio Gifuni e Nato a Casal di Principe di Bruno Oliviero, prodotto Amedeo Letizia e Mariella Li Sacchi, con Alessio Lapice, Massimiliano Gallo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo. I Premi 'Guglielmo Biraghi' per gli esordienti sono andati a Euridice Axen (Loro) con la 'borsa' di formazione del Nuovo Imaie 2018, che il SNGCI ringrazia per la collaborazione.

Fabiano e Damiano D'Innocenzo hanno ottenuto il premio per il loro film dal titolo La terra dell'abbondanza nella categoria miglior opera prima.

Latest News