Milan: Yonghong Li pronto a cedere, ma spunta un nome nuovo

Il proprietario del Milan Yonghong Li

Il proprietario del Milan Yonghong Li

Ma anche questo passaggio, come tanti altri di questa infinita vicenda, appare poco chiaro: Li è convinto infatti di avere nel contratto qualche appiglio che gli consenta di tenere il Milan.

Mancini: "Solo il Brasile meglio di noi"
Con tanto di precisazione: "I tifosi italiani quando m'incontrano mi dicono che potevamo starci pure noi in Russia ". Dipende dalla sua testa, se andrà nella strada giusta potrà essere importante per la nazionale italiana.


Le ultime indiscrezioni, da prendere naturalmente con beneficio d'inventario, raccontano di un Yonghong Li ormai prossimo a saldare il suo debito con Elliott e quindi salvare la proprietà del Milan. I legali dell'hedge fund sono già al lavoro in Lussemburgo, dove ha sede la controllante del Milan (Rossoneri Champion Sport Investment) per avviare l'iter. Di sicuro Li potrà fare le cose con più calma in caso di rimborso tempestivo dei 32 milioni che deve al fondo Elliott: a quel punto guadagnerebbe tempo fino a ottobre, deadline per la restituzione del prestito con cui completò il closing lo scorso anno. Il primo atto del fondo di Paul Singer dovrebbe essere quello di versare in conto capitale 150 milioni di euro per la continuità aziendale (mercato etc.). D'altronde il fondo Elliott invece sarebbe pronto ad escutere il pegno e cominciare una nuova vita, ma bisogna prima aspettare le ufficialità. Intanto prosegue sottotraccia la trattativa con Commisso. I nomi che restano in corsa sono quelli della famiglia Ricketts, che ha rilanciato i Chicago Cubs e Stephen Ross, proprietario dei Miami Dolphins.

Latest News