Sanità: Istat, Italia tra i Paesi con la più bassa mortalità infantile

Istat su Italia

Sanità: Istat, Italia tra i Paesi con la più bassa mortalità infantile

L'indicatore anticipatore elaborato dall'Istat evidenzia una nuova decelerazione, consolidando uno scenario di contenimento dei ritmi di crescita dell'economia. Il mercato del lavoro si rafforza: l'occupazione aumenta e si riduce la disoccupazione.

A giugno, sottolinea poi la Nota Istat, l'indice del clima di fiducia dei consumatori ha mostrato un significativo aumento, recuperando il forte calo registrato a maggio, sostenuto dalla componente economica.

La crescita dell'area euro rallenta, mentre continua il processo di riduzione della disoccupazione. "In Italia prosegue la fase di debolezza dell'attività manifatturiera, accompagnata dal calo degli ordinativi e delle esportazioni", spiega l'Istituto di statistica.

Quanto all'inflazione continua a risalire, ma a ritmi inferiori rispetto all'area euro. Registrano, invece, "andamenti tendenziali leggermente positivi gli indicatori relativi a: istruzione; uguaglianza di genere; industria, innovazione ed infrastrutture; consumo e produzione".

"Rischio contaminazione da listeria": Findus ritira 4 tipi di minestrone
Per motivi precauzionali, Lidl Italia si è immediatamente attivata ritirando dalla vendita i prodotti interessati. Findus e Lidl ritirano alcuni prodotti surgelati dal mercato per " rischio Listeria ".


L'indicatore di povertà o esclusione sociale corrisponde alla quota di persone che presentano almeno una delle seguenti situazioni: sono a rischio di povertà di reddito, sono gravemente deprivate materialmente, vivono in famiglie con una molto bassa intensità lavorativa.

Ancora. In Italia - emerge dal report - il tasso standardizzato di mortalita' per suicidio e' piu' basso rispetto al resto dell'Europa: dopo la leggera crescita registrata dal 2007, soprattutto per gli uomini, torna a diminuire dopo il 2012. Dal Rapporto dell'Istat fatto su direttive dell'ONU, è emerso che in Italia la popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale è pari al 30% (18.136.663 individui), in aumento rispetto all'anno precedente.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. "La povertà in Europa si mantiene stabile nel 2016 rispetto al 2015, con un'incidenza pari al 23,5% della popolazione (118 milioni di individui a rischio di povertà o esclusione sociale)".

Latest News