Amazon continua a puntare sull'Italia: previste 1.700 nuove assunzioni

Come riportato dalle principali agenzie di stampa del nostro paese, e ripreso anche dai quotidiani più importanti, Amazon a quanto pare avrebbe intenzione di creare circa 1.700 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia, entro la fine dell'anno. Le possibilità che vanno aprendosi sono di varia natura, aprendo quindi ad ogni tipo di candidatura: "Queste nuove opportunità di lavoro sono destinate a persone con ogni tipo di esperienza, istruzione e livelli di competenza, dagli ingegneri e sviluppatori di software agli operatori di magazzino". Dal 2010 Amazon ha investito oltre 1,6 miliardi di euro per sviluppare le sue attività in Italia.

"Siamo impegnati a investire in Italia per migliorare continuamente i servizi che offriamo ai nostri clienti", spiega Mariangela Marseglia, Country Manager di Amazon Italia e Spagna che aggiunge: "Nel 2018 1.700 nuovi dipendenti rafforzeranno i nostri team italiani per assicurare ai nostri clienti consegne più veloci, una selezione più ampia e maggiore convenienza". Con le nuove assunzioni Amazon supererà così i 5.200 dipendenti dai 3.500 di fine 2017, di cui oltre 600 collocati nella nuova sede di Milano.

Rai dedica a Fabrizio Frizzi gli studi Dear a Roma
E noi lo abbiamo visto, lo abbiamo sempre saputo quando c'era, ma lo abbiamo visto e ne abbiamo avuto conferma quando non c'è stato più.


A Torino, invece, Amazon conta di assumere specialisti per il suo centro di Sviluppo, con focus sul riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale. Oltre all'assunzione di responsabili operativi, ingegneri, specialisti nelle risorse umane, specialisti IT e di operatori che prelevano, imballano e spediscono gli ordini dei clienti, l'azienda sta assumendo anche ruoli altamente qualificati per il Tech Center di Vercelli focalizzati sul l'implementazione di processi tecnologici dei nostri centri di distribuzione. Gli attriti con lavoratori e sindacati sono culminati nel 2017 con lo sciopero organizzato nel giorno del Black Friday: una mossa forte e ostile dalla quale si è aperto un tesissimo tavolo di trattative incentrato sul lavoro somministrato.

Latest News