Giappone. Oltre cento vittime e decine di dispersi per le piogge alluvionali

Il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali che hanno colpito il Giappone continua ad aggravarsi. Solo nella prefettura di Hiroshima, la più colpita da frane, i morti sono almeno 27, i dispersi 21 e gli sfollati 1,7 milioni. Sono già cento, secondo fonti governative, i morti accertati, mentre ancora si cercano dispersi. Nel distretto di Mabicho circa 1.200 ettari di terreno risultavano sommersi dall'acqua, con 4.600 case completamente inondate.

Il prossimo obiettivo del tifone Maria potrebbe essere la Cina e in particolare Shanghai nelle prossime ore, anche se pare perderà molta della sua forza prima di raggiungere lo Stato cinese. In quest'area del paese, infatti, hanno i loro stabilimenti Mazda Motor Corp. e Daihatsu Motor Co., oltre a una piccola unità produttiva della Toyota Motor Corp.

Secondo le autorità saranno necessarie almeno due settimane per completare le operazioni di drenaggio delle acque. Il ministero dei Trasporti sostiene che le inondazioni hanno interrotto l'operatività di 17 ferrovie e 56 strade nel Giappone occidentale. L'allerta resta in una ventina di prefetture ed è ai massimi livelli a Gifu (centro), Ehime e Kochi (ovest) per rischio straripamenti di fiumi, frane e smottamenti.

Thailandia, il mondo col fiato sospeso: chi sono i ragazzi nella grotta
Si è appreso che dovrebbero restare qualche giorno ricoverati in isolamento , anche dalle famiglie, per evitare infezioni. Gran parte dell'acqua, ha spiegato il governatore, è stata prosciugata con le pompe e "si può fare per lo più a piedi".


Intanto il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha cancellato i suoi viaggi in Europa e Medioriente previsti per i prossimi giorni e presto visiterà le zone colpite dalle alluvioni. Il segretario generale del Partito Liberal democratico, Toshihiro Nikai, ha incontrato Abe in mattinata e riferito alla stampa che il premier non ha avuto altra scelta che annullare il tour.

Unione Europea che ha poi espresso la sua piena solidarietà e vicinanza al popolo e alle autorità giapponesi. I soccorsi sono impegnati 24 ore al giorno per individuare eventuali superstiti.

Latest News