Le probabili formazioni di Russia-Croazia - Cheryshev contro Perisic

Russia-Croazia 5-6, trionfo ai rigori della squadra di Dalic è semifinale dopo 20 anni

Getty Images

Ai rigori, i croati hanno ripetuto l'impresa firmata contro la Danimarca e adesso a sognare sono loro: mercoledì 11, a Mosca, li attende la semifinale contro gli inglesi di Southgate.

Il sogno della Russia finisce nel più crudele dei modi: sono i rigori a condannare i padroni di casa e a portare ancora una volta avanti la Croazia. Dopo otto minuti giunge il pareggio con il gol di Kramaric. Il copione della gara è abbastanza scontato: la Russia si difende con ordine, ma in contropiede non è rinunciataria e mette in seria difficoltà la retroguardia avversaria. Ma il pareggio arriva comunque al 114esimo con Mario Fernandes che di testa manda il pallone in fondo al sacco, 2 a 2.

Non basta però un Modrić inverosimile per abbattere la difesa siberiana: si va i supplementari. Ma la lotteria, stavolta, non sorride agli uomini di Cherchesov, che sbagliano con Smolov (parato ma calciato malissimo) e proprio con Fernandes. Vale la semifinale alle ore 20 Russia-Croazia che sarà trasmessa in diretta su Canale 5, Canale 5 HD (canale 505 del digitale terrestre) mentre per gli amanti della Gialappa's su Mediaset Extra (ch34) la telecronaca alternativa di Mai dire Mondiali. La Russia esce dal Mondiale di casa a testa alta. E nei supplementari la Croazia è apparsa stanca, alle corde, sul punto di cedere: Subasic si era fatto male e ha stretto i denti, Mandzukic zoppicava e Vrsaljko è andato ko, facendo perdere subito il quarto cambio a Dalic. Ma con un altro colpo di testa, e un'altra palla inattiva, è arrivato il nuovo pari di Mario Fernandes.

Meteo, le previsioni per il fine settimana
Venerdì torneranno nuovamente temporali sulle alpi e sulla Liguria ma in forma più isolata o al più sparsa. Le previsioni per sabato 7 luglio in Italia a cura dell'Aeronautica militare.


Si gioca a Sochi, dovevo andarci per le Olimpiadi e poi in vacanza ma per fare tutto quel che mi passa per la testa ci vorrebbero tre vite, intanto mi godo Santarcangelo, con le cuffie non mi perdo un'azione seduto sotto l'arco di Clemente XIV, l'unico Papa locale e nemico giurato dei gesuiti, con lui Bergoglio non avrebbe scampo e anche Akinfeev la rischia grossa sugli attacchi croati, soprattutto quando accorciano le distanze. "Un russo, che non parla russo, salva la squadra russa e le regala i rigori". Nella Croazia, invece, fuori a sorpresa Brozovic che si accomoda in panchina. Mandzukic gestisce il pallone e crossa per l'inserimento centrale del compagno.

Nella Russia, davanti ad Akinfeev, agiscono Fernandes, Kutepov, Ignashevich e Kudryashov nel pacchetto arretrato, in mediana presiedono Zobnin e Kuzyaev con Samedov, Golovin e Cheryshev trequartisti alle spalle del terminale offensivo Dzyuba.

CROAZIA (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko (dal 6′ p.t.s. Corluka), Lovren, Vida, Strinic (dal 29′ s.t. Pivaric); Modric, Rakitic; Perisic (dal 18′ s.t. Brozovic), Kramaric, Rebic; Mandzukic (dal 42′ s.t. Kovacic).

Latest News