Taglio ai vitalizi, ecco quanto perdono gli ex deputati pratesi

"Finalmente è arrivato. Oggi è il giorno che gli italiani aspettavano da 60 anni, quel momento fatidico che abbiamo regalato ai nostri cittadini in 100 giorni di Governo".

"Oggi è una giornata storica e il prossimo passo sarà l'abolizione delle pensioni d'oro". E a chi gli domandava se la presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati, procederà col taglio dei vitalizi a Palazzo Madama, "chiedeteglielo.", ha risposto con un sorriso. "Oggi abbiamo riparato un'ingiustizia sociale e quindi una ferita", ha dichiarato Fico, che ha detto di non essere "preoccupato" di un'eventuale bocciatura da parte della Corte Costituzionale: "Ho scritto una delibera forte, sostanziale e sostanziosa che ripara ad un'ingiustizia" facendo proprio un principio "costituzionale per cui tutti i cittadini sono uguali".

Chiara Ferragni, addio al nubilato a Ibiza: tutti i dettagli
In occasione della prossima uscita del singolo " Faccio quello che voglio " ha svelato qualche dettaglio su ciò che è accaduto. Che ne pensate? Riusciranno a trovare un equilibrio umano e a riprendere quell'amicizia interrotta?


Di Maio ha inoltre lanciato un messaggio alla Lega: "Se non dovesse votare oggi alla Camera la delibera sul taglio ai vitalizi sarebbe un suicidio politico, ma non accadrà". Perchè questa è una festa per tutto il Paese. Eppure, il ministro dell'Interno prova a cavalcare anche questo risultato, approfittando del suo stato di grazia: "Approvato in Parlamento il taglio dei VITALIZI a 1.240 ex parlamentari: STOP a vecchi e assurdi privilegi". Nell'ufficio di presidenza a Montecitorio, dopo il via libera della Lega, si vota la delibera firmata da Fico che rivede i vitalizi finora assegnati a chi aveva svolto anche una sola legislatura da deputato, almeno fino al 2013. "Avremo infatti un risparmio di risorse pubbliche di oltre 40 milioni di euro all'anno". Forza Italia si è astenuta mentre Leu non ha partecipato al voto. L'esercizio del mandato di rappresentanza nazionale viene considerato un mestieraccio, il che in sostanza significa che la sovranità popolare che in questo modo si realizza non viene riconosciuta come il fondamento della legittimità delle scelte. E' "una vittoria di tutta l'Italia - scrive -, perchè non è solo un'ingiustizia abolita, ma anche una conquista di civiltà". Così il vicepremier e ministro in un post su Fb parlando dell'imminente abolizione dei vitalizi.

Latest News