Paura legionella in Calabria: ricoverato 28esimo contagiato [DETTAGLI]

Legionella allarme in Lombardia. Il batterio si annida in acqua e aria condizionata

Allarme legionella a Bresso, due morti e 17 contagiati: è emergenza

Norme rilanciate oggi anche dall'assessore Gallera.

Si sta parlando in queste ore di epidemia di legionella, in seguito a tre decessi in Lombardia. Il bilancio sale così a 27 malati.

Innanzitutto cominciamo col dire che si tratta di una "famiglia" di batteri: ne esistono più di 50 specie. Lo ha spiegato il direttore del dipartimento di prevenzione Giorgio Ciconali, durante una conferenza stampa tenuta ieri nella sede del Comune. A Bresso, in provincia di Milano, sono stati individuati già 18 casi di contaminazione da legionella, negli ultimi dieci giorni. "Infine ho chiesto ad Ats Milano che le campionature e i prelievi nelle abitazioni vengano effettuate subito, appena si viene a conoscenza che il proprietario è stato contagiato". I tempi per ottenere l'analisi microbiologica colturale definitiva sono di 7-10 giorni. Erano quattro anni che il batterio killer non si faceva vivo a Bresso (nel 2014 ci furono sei casi accertati e un decesso) ma adesso è ritornato a destare parecchie preoccupazioni tra gli abitanti, in particolare quelli del centro storico. I risultati dello screening con il metodo PCR hanno escluso la presenza di Legionella. Il gruppo Cap è intervenuto anche per disinfettare un pozzo in via Lurani.

I casi non letali sono in aumento.

Tre gazebo (presso l'ufficio postale e i supermercati Esselunga e Lidl) sono stati installati per fornire informazioni ai cittadini. E' per tali motivi che la legionellosi non si trasmette da persona a persona.

Facebook crolla a Wall Street
Il fondatore del social network ha aggiunto che Facebook stava eliminando anche post che spingevano alla violenza. I ricavi per utente in media sono stati di 5,97 dollari, 2 centesimi sopra i calcoli degli analisti.


Ha incontrato, con ATS, tutti gli amministratori di condominio, i medici di base, gli esercenti commerciali e artigianali che operano in settori potenzialmente esposti al rischio, chiedendo loro di adoperarsi per adottare tutte le azioni utili per ridurre il rischio di infezioni da legionella. "È una delle ipotesi su cui sta lavorando il procuratore aggiunto di Milano, Tiziana Siciliano, che ha aperto un fascicolo al momento senza ipotesi di reato né indagati", si legge su Il Giorno.

All'inizio della settimana sono stati incontrati i Sindaci dei territori limitrofi e la cittadinanza in un'assemblea pubblica, trasmessa via YouTube.

Si ricorda che la sanificazione (di fatto la disinfezione profonda) degli impianti idrici domestici (condominiali o appartamenti) deve essere fatta da imprese specializzate secondo le linee guida diffuse dal ministero della Sanità. Si tratta in ogni caso di operazioni comuni e note alle imprese specializzate e per ogni dubbio è possibile contattare l'Amministrazione Comunale. "L'importante è evitare inutili allarmismi". Se si utilizza un apparecchio per l'aerosol, usare solo l'acqua distillata, mai quella di rubinetto. Inoltre è utile evitare di utilizzare vasche idromassaggio, da fonti di acqua vaporizzata, come ad esempio irrigatori automatici e fontane.

Si sconsigliano diffusori a spruzzo per irrigare i giardini, così come di lasciare esposte al sole le canne d'irrigazione. "C'è poi una "stagionalità" nelle infezioni ovviamente, perchè d'estate si frequentano di più luoghi come le piscine o i centri termali che sono veicolo di infezione, oltre a usare di più i condizionatori".

Latest News