Alessio Figalli ha vinto la Medaglia Fields, il Nobel della matematica

Considerata l'equivalente del Nobel (che non contempla, per l'appunto, un premio alla matematica), la medaglia Fields è stata istituita nel 1936 e viene assegnata, ogni 4 anni, dall'Unione Matematica Internazionale. "Non si può sperare di fare ricerca con mille euro all'anno". Figalli ha ottenuto notevoli risultati in questo campo, sia di esistenza e unicità delle soluzione che di regolarità delle applicazioni di trasporto.

Nel 2008 ha insegnato all'ècole Polytechnique di Parigi e nel 2009 nell'Università del Texas ad Austin, dove nel 2011 è diventato professore ordinario.

Un prestigioso riconoscimento che mancava da 44 anni all'Italia, con Alessio Figalli che attraverso i suoi teoremi è riuscito a convincere la giuria del Fields. Questa volta, a meritare il riconoscimento internazionale, è stato Alessio Figalli, 34 anni, professore ordinario al Politecnico di Zurigo. Nato a Roma 34 anni fa, Figalli ha studiato nella Scuola Normale di Pisa.

Mourinho: "Ronaldo alla Juventus? Real Madrid più grande di qualsiasi calciatore"
Una decina di minuti e il cileno ex Udinese serve ad Ander Herrera la palla del raddoppio. Esordio amaro per Julen Lopetegui sulla panchina del Real Madrid .


Il presidente del Politecnico di Zurigo, Lino Guzzella, dove Figalli insegna, commenta così: "È un matematico estremamente creativo e una persona aperta e comunicativa".

Il premio Nobel per la Matematica, come forse sapete, non esiste. Una carriera, che per la sua giovane età, è davvero invidiabile: vanta infatti di oltre 100 articoli scientifici pubblicati e 3 libri, oltre ad aver già vinto numerosi premi. Il matematico è stato premiato "per i suoi contributi al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità". Lì è nata la sua passione per la matematica e se ne è reso conto negli ultimi due anni, partecipando alle Olimpiadi della Matematica. "Alla Normale - prosegue Barone - Figalli ha trovato i suoi maestri, che presto sono diventati suoi 'pari'". Per Ambrosio, che ha seguito la formazione di Figalli, il giovane vincitore della medaglia Fields "é un problem solver, di eccezionale talento", capace di "velocità e profondità nell'assimilazione dei lavori dei matematici che ci hanno preceduto, inventiva" e con una "personalità, al tempo stesso carismatica e di grande equilibrio, che lo rende un collega benvoluto e stimato da tutto il nostro ambiente e un ambito collaboratore nelle ricerche". Osserva infine che "la medaglia Fields di Alessio va anche a premiare, indirettamente, le forti tradizioni della matematica italiana" e in particolare l'eredità di figure come Leonida Tonelli, Guido Stampacchia ed Ennio De Giorgi, tutti docenti presso la Scuola Normale.

Latest News