Cristiano Ronaldo-Juventus, si parte: primo allenamento sul campo

Juventus Cristiano Ronaldo arrivato a Torino

Twitter Image

Restringendo il discorso all'attacco, Manuel Pellegrini si trovò a gestire una situazione esplosiva con Higuain, Cristiano Ronaldo, Benzema, Kakà, ma anche il declinante Van Nistelrooy, che sarebbe durato pochi mesi, e addirittura il mostro sacro Raul, che non sarebbe sopravvissuto all'arrivo di Mourinho nell'estate 2010. L'ora X è scattata alle 14.50 di lunedì 30 luglio: è allora che il fuoriclasse portoghese ha varcato le soglie del centro sportivo della Continassa, prima di spostarsi al J Medical per i test di rito e tornare poi sul campo per le prime corse con i nuovi compagni di squadra. Arrivato alla Continassa a bordo di una Jeep grigia, il 33enne di Funchal ha trovato ad attenderlo circa 200 tifosi bianconeri. Tutti in prima fila, per non perdersi i secondi che hanno di fatto dato il via all'epoca bianconera di CR7.

Bari, De Laurentiis acquista il club e riparte dalla D
Dobbiamo cercare di capire come portare profittabilita' al club senza speculare sulla pelle di chi lavora. Poi, una volta arrivati lì, o verranno cambiate le normative oppure saremo costretti a fare una scelta".


Le parole di Allegri, pronunciate dall'altra parte dell'Oceano Atlantico nel pieno della tournée Usa della Juventus, riassumono alla perfezione il momento bianconero: "Vedo troppa eccitazione in giro e questo non fa bene, lui è un grandissimo campione, ma è la normalità". La facciamo breve e ricordiamo che nel 2012-13 Higuain e Cristiano Ronaldo giocarono insieme molte volte e quasi sempre nelle partite vere: Mourinho faceva partire Cristiano a sinistra e Di Maria a destra, con Ozil (e qualche volta Modric) dietro la prima punta, e non si può dire che i risultati siano stati cattivi anche se le Champions in serie sarebbero state vinte negli anni seguenti, con Ancelotti e Zidane. Meglio che Cristiano lo capisca subito.

Latest News