Bambina brasiliana salvata dai medici del Meyer di Firenze

Mayer di Firenze

Bambina brasiliana salvata dai medici del Meyer di Firenze

Sembra che per tantissimo tempo i medici che la tenevano in cura, non le avessero dato molte speranze di sopravvivenza, ma con un intervento davvero all'avanguardia e durato circa 6 ore da parte di un'equipe dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, la tredicenne è tornata a vivere e sorridere ma soprattutto a mangiare. Secondo i medici locali non avrebbe avuto nessuna speranza di vita. Difficile contenere l'orgoglio per l'impresa sostenuta: una bambina di 13 anni avrà un futuro al contrario di quanto previsto da professionisti internazionali e lo stesso potrà essere garantito a tanti altri pazienti.

Sei ore di intervento, oltre 3mila punti di sutura e due dita alzate in segno di vittoria al risveglio dall'anestesia.

"La situazione della piccola, prima dell'intervento, era seria al punto che in Brasile, dopo due interventi non andati a buon fine, non le erano state date speranze di sopravvivenza". Si tratta del secondo intervento di questo tipo portato a termine in pochi giorni al Meyer, unico centro europeo per la cura di questa patologia. La bambina, a causa di una malattia congenita, aveva la sindrome dell'intestino corto: un'insufficienza intestinale secondaria a complicazioni di gastroschisi (un difetto della parete addominale) che la obbligava alla nutrizione parenterale totale e le causava un gravissimo malassorbimento. Alla bambina è stato ricostruito l'intestino restituendogli un diametro adeguato e una motilità normale.

Perché dobbiamo liberarci dall'idolatria del denaro. Le parole di Papa Francesco
L'idolo è in realtà una proiezione di sé stessi negli oggetti o nei progetti. Il Dio vero non offre una proiezione del nostro successo, ma insegna ad amare.


Per arrivare a questo il team ha dovuto rimuovere un segmento di intestino precedentemente trattato ed eliminare grappette metalliche risalenti ai precedenti interventi. Infine i medici lo hanno 'disteso', recuperando in lunghezza e riportando il diametro a una dimensione regolare.

L'intervento, svolto dall'Unità di Ricostruzione Intestinale del Meyer guidata dal professor Antonino Morabito, è stato eseguito con la tecnica ricostruttiva ad alta specializzazione chiamata "Spiral intestinal lengthening and tailorilng".

"Adesso la piccola sta bene e ha già cominciato ad alimentarsi anche per via naturale, per la prima volta in vita sua".

Latest News