Dl Dignità, via libera alla Camera con 312 sì

Decreto Dignità via libera della Camera soddisfatti Di Maio e Conte

Decreto Dignità, ok della Camera. Di Maio: "Vinto primo round"

È il primo provvedimento del nuovo governo Lega-5 Stelle ad ottenere l'ok di un ramo del Parlamento. L'assemblea di Montecitorio ha approvato il provvedimento con 312 sì, 190 no e 1 astenuto. Dunque, 62mila nel biennio. Misura questa che, nelle intenzioni della maggioranza, servirà a controbilanciare la stretta sui contratti a tempo determinato.

"Stop alla pubblicità sul gioco d'azzardo, stop alle delocalizzazioni selvagge". Martedì 7 agosto il testo arriverà in seconda lettura al Senato. I nuovi contratti 03 agosto 2018 - agg. Le ragioni a sostegno di questa affermazione sono già state ben descritte su queste colonne in Cosa non va nel Decreto dignità (oltre al nome).

Se proprio si vuole riformare il contratto a termine e si vogliono riattivare i voucher va preso in mano anche il contratto a tutele crescenti. Il "buono lavoro" potrà essere stampato al termine della prestazione dall'utilizzatore e il prestatore potrà ritirare il contante presso gli uffici postali dopo 15 giorni da quando la denuncia della prestazione è divenuta irrevocabile. Dopo i primi 12, però, l'azienda dovrà giustificare il rinnovo a tempo determinato indicando una causale. Impossibile dar torto, perché questo segmento di lavoratori rischia di essere incastrato in un doppia polarizzazione: saranno marginalizzati perché non hanno le competenze giuste, e nessuno si preoccupa di formarli e aggiornarli; saranno esclusi perché hanno troppi pochi anni di lavoro davanti a sé e nessuno ha convenienza a investire nella loro formazione (è un problema di pay back period degli investimenti in formazione). E colf e badanti.

L'obiettivo dovrebbe essere quello di creare un portafoglio di alternative contrattuali che rispondono a bisogni differenti e che rappresentano soluzioni realmente diverse (sul piano economico e organizzativo). Passa al 30% la quota di contratti a tempo indeterminato da non superare con accordi a tempo determinato e di somministrazione. Dal 20% al 30%.

KKN - Belotti-Napoli, da Torino smentiscono: "Accordo con il calciatore? Solo cavolate!"
L'attaccante classe 1993 possiede, nel suo contratto, una clausola da 100 milioni, valida però solamente per l'estero. "Poi si è spostato Cristiano Ronaldo e può succedere a tutti di fare delle valutazioni".


INDENNITA' DI CONCILIAZIONE FINO A 27 MESI Sale da un minimo di 3 ad un massimo di 27 mensilità (rispettivamente da 2 a 18 mensilità) l'indennità da corrispondere al lavoratore ingiustamente licenziato in caso di conciliazione con l'azienda. Bocciato infatti in aula l'emendamento proposto da LeU per il ripristino della eventuale reintegrazione obbligatoria di un lavoratore, da parte del giudice, in caso di licenziamento senza giusta causa. I buoni-lavoro potranno essere utilizzati soltanto in Agricoltura e Turismo.

"E' un decreto che genererà più precarietà, che complica la vita alle imprese, come stanno dicendo molti imprenditori non solo a nord, bloccherà gli investimenti al sud". Stesso meccanismo per le strutture ricettive turistiche: cambia soltanto il numero di lavoratori, fino ad un massimo di 8. Confermato poi il bonus assunzione per gli under 35 fino al 2020. E su questo il consenso è stato pressoché unanime. Poi, ancora, c'è l'obbligo di apporre sui 'Gratta e Vinci' la scritta 'Nuoce gravemente alla salute', come per le sigarette. Un modo per evitare l'avvicinamento dei minorenni alle "macchinette".

Con il decreto dignità arriva il divieto di pubblicità dei giochi d'azzardo.

Salve pure le nuove norme deterrenti contro la delocalizzazione delle imprese in paesi extra Ue. La stima è calcolata sulle assunzioni dei primi 5 mesi del 2018, nella fascia d'eta' 30-35 anni (circa 11.300), con un esonero contributivo in media di 2.650 euro. Soldi con cui verrà finanziato un fondo per la riconversione dei siti abbandonati, attraverso la stipula di contratti di sviluppo. Stop alla burocrazia con taglio di redditometro, split payment e spesometro. Rinviate le scadenze dello spesometro. Prima di tutto, viene eliminato il limite di 36 mesi per gli incarichi annuali, su posto vacante e disponibile, introdotto con il comma 131 della Buona Scuola. Senza cui sarebbe dovuta scattare l'assunzione, in base ad alcune sentenze Ue.

Latest News