Perché dobbiamo liberarci dall'idolatria del denaro. Le parole di Papa Francesco

Papa Francesco “Gli idoli promettono vita ma in realtà la tolgono”

Perché dobbiamo liberarci dall'idolatria del denaro. Le parole di Papa Francesco

In antichità si facevano sacrifici umani agli idoli, ma anche oggi: per la carriera si sacrificano i figli, trascurandoli o semplicemente non generandoli; la bellezza chiede sacrifici umani ... "È ciò che sta al centro della propria vita e da cui dipende quello che si fa e si pensa", ha spiegato il Papa, secondo il quale "si può crescere in una famiglia nominalmente cristiana ma centrata, in realtà, su punti di riferimento estranei al Vangelo". L'idolo è in realtà una proiezione di sé stessi negli oggetti o nei progetti.

La ricerca dell'oggetto elevato a idolo è la ricerca di un'anestesia da parte dell'essere umano, che cerca con soffocata e tacita disperazione una via per resistere agli stress e dimenticare i dolori della vita, sacrificando così su un sacrilego altare l'amore nei confronti del prossimo, alienandosi da affetti e sentimenti che possono invece completare davvero la sua vita, infatti il Papa ha dichiarato a braccio: "Non con illusioni sul futuro, oggi, domani e dopodomani camminando verso il futuro". Di questa dinamica si serve, ad esempio, la pubblicità: non vedo l'oggetto in sé ma percepisco quell'automobile, quello smartphone, quel ruolo - o altre cose - come un mezzo per realizzarmi e rispondere ai miei bisogni essenziali.

"Un idolo - ha spiegato il Papa - è una visione che tende a diventare una fissazione, un'ossessione". Cari fratelli e sorelle, gli idoli promettono vita, ma in realtà la tolgono.

Divinizzare ciò che non è Dio è una "costante tentazione della fede" e non riguarda "soltanto i falsi culti del paganesimo". "Qual è il mio idolo? E si rovinano vite, si distruggono famiglie e si abbandonano giovani in mano a modelli distruttivi, pur di aumentare il profitto", ha aggiunto. "E' l'Amore Uno e Trino oppure è la mia immagine, il mio successo personale, magari all'interno della Chiesa?"

Inflazione a luglio accelera, a 1,5% - Ultima Ora
A livello europeo, nell'eurozona l'inflazione è pari al 2,1% a luglio, in accelerazione rispetto al 2% di giugno, secondo Eurostat.


"Tutto può essere usato come idolo", perché l'idolatria è "una tendenza umana, che non risparmia né credenti né atei".

Infine l'ultimo stadio più pericoloso degli idoli: "Gli idoli schiavizzano". Il Dio vero non chiede la vita ma la dona. Terminata la pausa estiva, Papa Francesco riprende le Udienze Generali del mercoledì, proseguendo le catechesi sui Dieci Comandamenti. Il Dio vero non offre una proiezione del nostro successo, ma insegna ad amare. Riconoscere le proprie idolatrie è un inizio di grazia, e mette sulla strada dell'amore. "Quanti di voi siete andati per farvi leggere le carte e guardare il futuro?", ha chiesto ai 7mila presenti in aula Paolo VI: "Quanti di voi siete andati a leggere le carte per vedere il futuro, invece di pregare il futuro?"

"L'amore è incompatibile con l'idolatria", ha concluso Francesco: "Se un qualcosa diventa assoluto e intoccabile, allora è più importante di un coniuge, di un figlio, o di un'amicizia". E lo cerco, parlo di quello, penso a quello; l'idea di possedere quell'oggetto o realizzare quel progetto, raggiungere quella posizione, sembra una via meravigliosa per la felicità, una torre per raggiungere il cielo (cfr Gen 11,1-9), e tutto diventa funzionale a quella meta. "Gli idoli ci rubano l'amore, ci rendono ciechi all'amore e per amare davvero bisogna esseri liberi da ogni idolo".

Latest News