Fisco: "zero cartelle" ad agosto, sospesi un milione di atti

Si tratta, in particolare, di circa 650 mila comunicazioni dell'Agenzia delle Entrate e di circa 450 mila cartelle da parte di Riscossione, che sarebbero state recapitate nel mese di agosto.

Il Fisco "congela" le cartelle e le comunicazioni nel mese di agosto e si sospende la notifica di piu' di un milione tra cartelle, avvisi di liquidazione, richieste di documentazione e lettere di compliance. Il lavoro ordinario delle due agenzie proseguirà comunque senza interruzioni: nessuna tregua, quindi, per tutti gli atti considerati inderogabili.

L'attività ordinaria di notifica dei documenti congelati riprenderà alla fine della sospensione feriale ma, in questo periodo, continueranno le attività ordinaria delle strutture di entrambe le Agenzie. Saranno 96 mila gli atti non inviati nelle prossime settimane in Veneto, 90 mila in Toscana, 70 mila in Piemonte e 63 mila in Emilia Romagna.

Attentato contro Maduro a Caracas
Nelle immagini il momento in cui il drone esplode accanto al capo dello Stato e alla first lady, poi la fuga della folla. Dopo l'attacco unità militari hanno preso posizione vicino ai punti nevralgici della zona della Avenida Bolivar.


L'Agenzia delle Entrate ha bloccato la partenza di 120 mila lettere di compliance e di 430 mila comunicazioni in cui si evidenzia l'eventuale presenza di irregolarità nelle dichiarazioni dei redditi e Iva. Non vanno poi dimenticate le lettere di compliance correlate a vari tipi di reddito, per l'anno d'imposta 2014, tramite le quali l'Agenzia consente ai contribuenti di porre rimedio in autonomia a possibili errori o distrazioni sui redditi dichiarati con sanzioni ridotte. Chiudono la classifica il Trentino Alto Adige (poco più di 9 mila), il Molise (poco meno di 4 mila) e la Valle D'Aosta (con 3 mila atti sospesi). Nella sospensione di agosto rientrano anche le richieste agli intermediari e ai contribuenti di esibizione di documenti relativi al controllo formale delle dichiarazioni dei redditi sui dati relativi a deduzioni, detrazioni e ritenute indicati in dichiarazione (36-ter del Dpr n. 600/73) che potranno essere prodotti entro il prossimo 1 ottobre con riferimento alle dichiarazioni del 2016 relative all'anno di imposta 2015.

La regione più indebitata d'Italia, quella che cioè godrà maggiormente del beneficio dello stop degli invii estivi dell'Agenzia delle Entrate è la Lombardia, interessata da 104mila comunicazioni sospese. In fondo alla classifica la Valle D'Aosta (con circa 3mila atti sospesi). Con un milione di cartelle in stand-by, al top della classifica regionale per numero di atti 'congelati' la Lombardia con 168 mila sospensioni, seguita da Lazio e Campania. Vediamo nel dettaglio i numeri delle regioni (tranne la Sicilia, dove Agenzia delle Entrate-Riscossione non opera). Per quanto riguarda la Riscossione, invece, vengono fermate poco meno di 450mila cartelle.

Fisco: cartelle congelate ad agosto.

Latest News