Bambini travolti da un treno, stavano attraversando i binari con la mamma

Treno travolge famiglia: morti bimbi di 12 e 6 anni

Calabria: morti due bambini travolti da un treno. Le immagini del luogo della tragedia

La tragedia non ha insegnato niente. Madre e figli sono stati letteralmente travolti dal treno. Anche ieri c'è stato un via vai di persone che andava o ritornava dal mare e per comodità oltrepassava i binari anziché servirsi del sottopassaggio.

Si apprende inoltre che non si fara' l'autopsia sui bambini. Tutti scelgono la strada più corta per arrivare a mare, incuranti del pericolo mortale. Una situazione che non riguarda solo il comune Brancaleone ma decine di altri centri della coste ionica e tirrenica, con le stazioni e i binari privi di barriere di protezione.

MotoGP - Rossi: "Bisogna capire quanta voglia di vincere ha la Yamaha"
Il Dottore non smette di crederci "Hai bisogno di persone che a volte corrono un rischio". Ho girato con il secondo prototipo ma non mi trovavo bene.


Volevano trascorrere qualche ora in spiaggia e per raggiungerla hanno scelto il percorso più breve: quello che taglia i binari della ferrovia. Faceva ogni giorno così per abbreviare il tragitto. La piccola, affetta da autismo, è scappata al controllo della madre, le ha lasciato la mano. Il suo tentativo di intervento, però, è stato inutile.

I due bambini, Lorenzo Pipolo e Giulia Pipolo, avevano 12 e 6 anni. Mentre resta sotto sequestro il treno regionale in quanto il pm vuole accertare, secondo quanto si è appreso, "la funzionalità del mezzo" e, in particolare, l'efficienza del sistema frenante. La Polizia le ha affiancato uno psicologo per darle un sostegno. Da tempo aveva intrecciato una relazione con Antonino Parpiglia, professore di economia aziendale ai corsi serali dell'Istituto superiore Giorgi a Milano. Erano con la mamma, Simona Dall'Acqua, 49, casalinga residente ad Albairate, comune di 4.708 abitanti nella provincia di Milano dove si sono trasferiti a giugno da Baggio (quartiere del capoluogo lombardo). Lo ha deciso il sostituto procuratore di Locri Michele Permunian, titolare dell'inchiesta aperta sull'incidente. Quello che ha investito e ucciso i due bambini era composto di due carrozze e poteva raggiungere una velocità massima di 130 km orari. La sua costruzione risale agli anni '80.

Latest News