Barcellona, striscione contro il re

Barcellona commemora attacco Rambla divisa su questione Catalogna

Spagna un anno fa attacco a Barcellona la città ricorda le vittimeAltro

Questo doppio attentato fu rivendicato dall'Isis, ma gli inquirenti finora non sono riusciti a trovare dei legami fra la cellula di Ripoll, ai piedi dei Pirenei catalani, dove è emerso che un imam ha radicalizzato una decina di giovani di origine marocchina, e ipotetici responsabili all'estero. Il ricordo del presidente della Regione Veneto Luca Zaia e il post su Facebook della sorella di Luca, Chiara Russo: "E intanto il tempo passa e tu non passi mai". Era il 22 agosto del 2017. Un camioncino guidato da Younes Abouyaaqoub alle 16.50 piombò a tutta velocità sulla Rambla, la via principale e più famosa di Barcellona, centrando in pieno i pedoni che in quel momento stavano passeggiando tranquillamente lungo la via.

Oggi la città di Barcellona si è fermata per la commemorazione del primo anniversario degli attentati di Barcellona e Cambrils in cui persero la vita 16 persone. Il cerimoniale prevede poi canzoni e letture rappresentative della nazionalità delle sedici vittime della follia del terrorismo islamico che ha unito in un doloroso abbraccio la Spagna, la Catalogna, il Regno Unito, la Francia, il Portogallo, l'Italia e la Germania. "Voglio ricordarlo con una sua foto, semplice e sorridente com'era, in attesa di un futuro pieno di obiettivi, sogni, speranze, così tragicamente interrotti".

Atlantia risale in Borsa, il faro resta sulla concessione ad Aspi
Sempre secondo Bruxelles, in aprile è stato approvato un piano di investimenti da 8,5 miliardi per le autostrade italiane. Infine, sono stati avviati accertamenti per valutare se ci siano state inadempienze gravi da parte della società.


Durante la mattinata re Felipe VI, contestato dagli indipendentisti catalani con uno striscione, si è avvicinato ai familiari delle vittime degli attacchi per salutarli uno ad uno. In una dichiarazione ufficiale alla vigilia dell'anniversario, la sindaca Ana Colau ha letto i nomi delle vittime. "Siamo una città di pace orgogliosa della nostra diversità", ha detto.

Terminato l'evento, i presenti hanno lasciato Plaza Catalunya per tornare sulla Rambla per dei tributi spontanei.

Latest News