Come funziona la nuova terapia Car T per i tumori

Prima terapia anti tumore con cellule paziente arriva in Ue

Prima terapia anti tumore con cellule paziente arriva in Ue

Così Ruggero De Maria, presidente della rete oncologica Alleanza Contro il Cancro, commenta la decisione della Commissione Europea di dare il via libera a due terapie Car-T.

La Commissione ha approvato il tisagenlecleucel, messo a punto dalla multinazionale Novartis, e l'axicabtagene ciloleucel della Gilead riconosciuti efficaci contro la leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B nei pazienti pediatrici e fino ai 25 anni di età e il linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) negli adulti, mentre l'axicabtagene è stato approvato come trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B e con linfoma primitivo del mediastino a grandi cellule B. In entrambi i casi va usata per le forme che non rispondono alle terapie tradizionali. L'approvazione negli USA delle prime terapie di questo tipo risale all'agosto scorso, anche se l'adozione negli Stati Uniti va a rilento per l'alto costo di queste terapie, che può superare i 400 mila dollari per il singolo paziente, mentre non sono stati resi noti dettagli sul "pricing" che sarà praticato in Europa. Tisagenlecleucel è stato anche la prima terapia cellulare CAR-T mai approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Arriva in Europa la prima terapia cellulare per tumori.

Juventus, Allegri: "In tanti guardano le partite, pochi le vedono"
A me piace vincere, io sono anche contento di giocare male, ci sono partite in cui è necessario per portare a casa le vittorie. Domani ho solo un dubbio in difesa, a destra, tra Cuadrado e Cancelo . "Domani gioca, lui e Mandzukic giocano".


La domanda di Aic (autorizzazione all'immissione in commercio) è supportata dai dati dello studio 'Zuma-1', condotto in pazienti adulti con linfoma non Hodgkin refrattario aggressivo.

Trattandosi di una prima terapia cellulare antitumorale al mondo, l'Aifa dovrà capire quali sono i centri in grado di garantire un trattamento così complesso e costoso, che ha caratteristiche uniche. Serve personale molto competente. "Nel frattempo, possiamo sperare che le due aziende coinvolte facciano partire dei programmi di accesso gratuiti, cosiddetti compassionevoli, che vadano a coprire questo periodo di attesa". Axicabtagene ciloleucel è una terapia con recettore antigenico chimerico delle cellule T (Car-T) che utilizza il sistema immunitario del paziente per combattere alcuni tipi di tumori ematologici. "Una nuova e promettente metodologia per trattare i pazienti europei con Dlbcl e Pmbcl", la definisce Pier Luigi Zinzani, professore di ematologia dell'Istituto di ematologia L. e A. Seràgnoli di Bologna.

Le attuali Car-T, come hanno ricordato anche le due società, possono causare effetti indesiderati gravi o potenzialmente letali, come sindrome da rilascio di citochine (Crs) o tossicità neurologiche. Si tratta di una tecnica complessa e avveniristica che consiste nell'isolamento dei globuli bianchi, nella selezione dei linfociti T e nell'inserimento al loro interno di un frammento di Dna che reca le informazioni per la produzione della proteina ibrida Car affinché i linfociti T comincino ad esprimerla in superficie. La tecnologia, altamente innovativa, è stata sviluppata dall'Università della Pennsylvania e prevede l'utilizzo dei linfociti T chimerici geneticamente modificati (CAR-T) e trasformati in una sorta di "farmaco vitale", in grado di riconoscere e distruggere le cellule tumorali.

Latest News