West Nile Virus, i dati in Piemonte. Biellese morto a Ferrara

West Nile completata la disinfestazione in via XX Settembre

Febbre del Nilo: torna dalle vacanze e muore contagiato dal virus

Ricordiamo che la febbre del Nilo viene trasmessa dalla normale zanzara notturna, quella che punge dal tramonto all'alba. Alla luce delle intense piogge che hanno interessato tutto il Veneto nei giorni scorsi, i cui effetti si fanno ancora sentire e rischiano di rendere meno efficaci gli interventi, la disinfestazione vera e propria in alcune aree del territorio slitta di un giorno rispetto alla previsioni, e comincerà domani. Due invece sono state dimesse. L'azienda sanitaria precisa però che l'84enne "era affetta da gravissime patologie cronico-degenerative che hanno portato alla compromissione del sistema immunitario". Si tratta del quinto caso verificatosi nel Milanese nel corso dell'estate, che arriva al termine della 'terribile' ultima settimana di agosto.

Vaccini, nuovo emendamento al milleproroghe: "Autocertificazione valida anche quest'anno"
Sono poco meno di 200 i bambini nella fascia 0-6 anni che attualmente non possono frequentare nidi o scuole d'infanzia. E' quanto si legge nella proposta di parere di Vittoria Baldino , relatrice M5S del decreto Milleproroghe .


Le tecniche che sono state sviluppate dal Centro Agricoltura Ambiente "in oltre trent'anni di attivita', si muovono in questa direzione e nel solco dell'intuizione originaria dei fondatori del Centro, cioe' dare sempre piu' valore alla gestione ambientale per migliorare salute e qualita' della vita delle nostre comunita'", aggiunte Ceccardo. Le conseguenze più gravi possono essere meningite ed encefalite e il decesso può sopraggiungere se il soggetto contagiato presenta altre patologie. Alla data del 30 agosto 2018 i casi segnalati (fonte: Cnapps - Istituto Superiore di Sanità) sono 334, di cui 131 manifestati in forma neuro invasiva. Quest'anno l'influenza del clima ha avuto un impatto importante per la circolazione del virus non solo in Italia, ma anche in Europa, soprattutto in Paesi come Serbia, Grecia e Romania, che hanno avuto un alto numero di casi. Quest'anno si è registrata la più alta partecipazione, in quanto la popolazione che risiede nei 200 Comuni aderenti ai progetti di lotta alle zanzare rappresenta il 53% della popolazione residente in comuni al di sotto dei 600 m di altitudine, ossia quella maggiormente esposta a una possibile infezione da West Nile virus. Nel ferrarese sono undici, al momento, i decessi causati dell'infezione.

Latest News