Italia, Jorginho: "Possiamo tornare in alto. Napoli mi manca"

ANSA
					Jorginho durante la conferenza stampa a Coverciano

ANSA Jorginho durante la conferenza stampa a Coverciano

Ecco le sue parole: "L'impatto col calcio inglese? Spero un giorno di tornarci perché mi piace molto". "Napoli mi mancherà sempre." . "L'Italia non merita di essere dove è adesso".

"È stato un insieme di cose, non c'è solo la volontà del giocatore ma anche quella della società". Il gruppo è pieno di entusiasmo ma dobbiamo trasportare tutto questo in campo. Il regista della nazionale è felice della sua nuova avventura: "La Premier League è bella, c'è grande intensità e mi piace giocare, ma mi mancano il sole, il cibo e il calore di Napoli".

Jorginho 'rifiuta' le chiavi della Nazionale: "Vediamo, lavoriamo duro, va chiesto all'allenatore. Sinceramente ho visto solo cose positive anche fra loro due, a testimonianza del fatto che l'atmosfera è davvero molto bella". Rispetto a Napoli, Sarri ha mantenuto lo stesso ritmo di allenamenti. I calciatori e la possibilità di stare in famiglia alla vigilia di una gara? Prossimo avversario, la Polonia dei suoi ex compagni di squadra, Piotr Zielinski e Arkadiusz Milik: "Sono una squadra forte e fisica, ma hanno anche giocatori di qualità. Non ho sentito nulla". Le differenze tra Premier League e Serie A è difficile da spiegare, bisogna viverlo per capire. "Ma proveremo ad imporre il nostro calcio e vedremo ciò che succederà".

Il mediano dei Blues, approdato in Inghilterra proprio questa estate, si è anche soffermato sui motivi che lo hanno spinto a lasciare il club di Aurelio De Laurentiis: "Il mio trasferimento al Chelsea?".

Vince Hamilton su Raikkonen, Vettel quarto. "Una battaglia durissima"
Lewis Hamilton trionfa in casa Ferrari e allunga su Sebastian Vettel nella classifica del Mondiale di Formula 1 . Il britannico ha gestito la gara in modo sublime, prima con il sorpasso su Räikkönen e poi su Vettel .


Se saprà confermarsi su questi livelli per tutta la durata di un campionato complicato come quello britannico, l'Italia avrà trovato un nuovo punto fermo da cui ripartire.

Crisi del Napoli: "La juve è favorita. Non vedo un Napoli in crisi, sono certo del valore della squadra".

"Guardando il Mondiale non ho notato un gap enorme tra noi e le migliori nazionali, dobbiamo lavorare tanto perché i margini di crescita ci sono".

Hamsik? Credo che sia un giocatore molto intelligente però non ricordo abbia mai giocato in quel ruolo prima, è una questione di adattamento.

Latest News