Negozi chiusi la domenica, al via iter di legge

Negozi chiusi alla domenica: al via iter per consentire solo 8 aperture

Negozi, stop alle aperture domenicali: la proposta di legge della Lega

Il disegno di legge, composto di due soli articoli, di fatto abroga i due articoli che hanno liberalizzato le aperture dei negozi e in particolare l'articolo 31 del cosiddetto "Salva Italia" varato dal governo Monti, che aveva introdotto su questo fronte la massima autonomia da parte degli esercizi.

"La Lega ha incardinato in Commissione Attività produttive della Camera la proposta di legge, a prima firma Saltamartini, che disciplina gli orari di apertura degli esercizi commerciali". L'idea presentata dalla Lega prevede anche un tetto di otto aperture straordinarie: le quattro domeniche di dicembre più altre quattro da scegliere nel resto dell'anno. "Vietare le aperture domenicali e nei giorni festivi si tradurrebbe in una condanna a morte per migliaia e migliaia di piccoli esercizi, in un momento storico in cui i consumi sono già al palo".

Nella versione M5S spetta sempre alle regioni stabilire le nuove regole prevedendo dei turni fra i negozi che però non potranno essere aperti per più di una domenica al mese.

L'articolo 2, invece, dispone l'istituzione di un Osservatorio sulle aperture domenicali e festive presso il ministero dello Sviluppo Economico.

Il Movimento 5 stelle annuncia la discussione alla camera delle liberalizzazioni del governo Monti sugli orari di apertura degli esercizi commerciali. Lo afferma Michele Dell'Orco (M5S), sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti. Nel testo, infatti, si legge che nei giorni festivi gli utenti possono acquistare sui siti di e-commerce. Ma dovrà essere chiaro che, se l'attività si svolge in Italia, potrebbe non essere completata in alcune delle sue fasi.

Sparatoria durante una rapina a Cincinnati: quattro morti
Nel quartiere sono stati uditi diversi colpi di arma da fuoco e nella sparatoria sarebbero rimasti coinvolti diversi poliziotti. Per ore non è stato possibile accedere alla zona nella quale si è verificato il violento episodio.


Più 'morbida', infine, la proposta targata Pd, a prima firma Gianluca Benamati che, "pur mantenendo il principio generale secondo il quale le attività commerciali sono svolte senza dover rispettare orari di apertura e chiusura, individua una serie di eccezioni".

In questo piano gli esercizi commerciali dovrebbero restare aperti per un massimo dodici festività all'anno. Tuttavia viene consentito a ciascun esercente di vendita al dettaglio di derogare all'obbligo di chiusura fino a un massimo di sei giorni.

Diverse le associazioni dei consumatori che si sono dette contrarie alla scelta del governo.

Agenpress - "Si va verso le chiusure festive e domenica con possibilità di alcune deroghe che saranno definite nelle prossime settimane". "La liberalizzazione degli orari dei negozi, come dimostrano le esperienze fatte in tutti quei Paesi che l'hanno sperimentata, ha portato molti benefici, e non solo ai consumatori". Se sognare intimamente un ritorno al passato è naturale e umano, quando lo si applica all'arte di governare, si chiama conservazione e reazione.

Latest News