Elezioni Svezia: Corona in alleggerimento ma c'è enigma governabilità

Elezioni Svezia, l’ultradestra xenofoba vola al 17.7%. Socialdemocratici aprono a centrodestra:…

Svezia, i cittadini dopo il voto: "devono trovare un accordo"

Anche il partito dei moderati, che era dato in forte calo dai sondaggi, riesce a reggere e mantiene la seconda posizione, pur se di poco davanti al partito dell'ultradestra. Gli ex comunisti, Sinistra, hanno quasi raddoppiato il loro ultimo risultato e hanno raggiunto il 9,8% mentre i cristiano democratici hanno incrementato di un terzo le preferenze del 2014.

I socialdemocratici ai minimi storici restano il primo partito, l'estrema destra avanza raggiungendo il 18%. A spingerlo così in alto, nell'ultima tornata elettorale, la più accesa e incerta della storia svedese, è stata soprattutto la linea anti immigrati: Il vero welfare si deve occupare degli svedesi ha ripetuto per tutta la campagna elettorale Akesson.

La vecchia e gloriosa socialdemocrazia svedese, al contrario di altri partiti europei di medesima ispirazione (anche se forse di diversa tradizione), non crolla, ma mantiene ancora il primo posto con un 28,7 per cento, alla fine perdendo tre punti rispetto ai 6 preventivati. Finora nessun partito si è detto disposto a collaborare con l'estrema destra.

Tradotto in seggi, la coalizione di sinistra, che riunisce il Partito socialdemocratico al governo, il Partito dei Verdi e della Sinistra, avrebbe 144 dei 349 seggi in Parlamento, uno-due in più rispetto alla coalizione di opposizione di centro-destra.

La Prova del cuoco: esordio difficile per Elisa Isoardi
La prima puntata però della nuova Prova del Cuoco è nel segno della nostalgia, almeno per i telespettatori. Debutto fra le lacrime per Elisa Isoardi alla conduzione de " La prova del cuoco ".


Se quindi è stato scongiurato lo sfondamento della destra ed è contenuta la perdita dei socialdemocratici, occorrerà comunque fare attenzione all'allargamento di questa ultradestra. Anche oggi, segnali di tensione sono arrivati da aggressioni, ai seggi, di militanti neonazisti contro giornalisti ed elettori.

Il risultato delle elezioni svedesi è stato commentato positivamente dal ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini per il quale "la Svezia patria del multiculturalismo e modello della sinistra, dopo anni di immigrazione selvaggia ha deciso finalmente di cambiare". Tuttavia, anche in un paese tradizionalmente accogliente come la Svezia, crea problemi. Ma la strada per la formazione del nuovo governo sarà lunga e complicata e non si escludono nuove elezioni.

È questo il quadro che emerge dalle elezioni legislative.

Latest News