Arrivano i tagli sulle accise sulla benzina

Accise Benzina

Accise Benzina

Parola di Massimo Bitonci, sottosegretario all'Economia, che ha annunciato come la Lega presenterà martedì una proposta che "Matteo Salvini già conosce" allo scopo di far saltare "quelle più datate nel tempo", alcune delle quali legate alla guerra di Etiopia. Questi infatti fanno aumentare il costo della benzina di molto.

Juncker: "Nazionalismo è veleno"
Lo ha detto il presidente della Commissione , Jean-Claude Juncker , nel suo discorso sullo Stato dell'Unione all'Europarlamento .


E' pronto il taglio alle agognate accise sulla benzina, tasse di vecchissima data che fanno aumentare il prezzo del carburante a discapito dei risparmi dei consumatori. Una promessa fatta da chi è in un gruppo ristretto della Lega incaricato di scrivere il pacchetto fiscale per la prossima manovra. Applicheremo l'aliquota del 15% fino a 65 mila euro, poi cui sarà un'aliquota incrementale del 5% fino a 100 mila, si pagherà, cioè, solo sulla parte che supera i 65 mila euro" continua Bitonci, rivelando dunque di avere già nel mirino gli obbiettivi da raggiungere, "Fosse dipeso da noi saremmo partiti subito con i 100 mila euro, ma abbiamo dovuto rispettare il limite europeo sui minimi. Non credo che l'Europa ponga tutti questi vincoli. L'accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi ha garantito allo Stato nel 2017 un incasso di 25,7 miliardi di euro. Ma per sapere di quanto saranno tagliate è ancora presto: "Stiamo ancora facendo i conteggi". Si tratterà dunque del primo segnale verso una riduzione della tasse in generale. Tra le ipotesi anche l'aumento del bollo Il taglio delle sette "accise anacronistiche" sulla benzina, per un totale di 11,3 centesimi al litro, promesso dal vicepremier, Matteo Salvini, costerebbe circa 1,5 miliardi di euro. "Poi per il 2020-2021, Salvini ci ha chiesto di preparare una flat tax", ha spiegato il sottosegretario. Sul tavolo ci sarà comunque la proposta di una flat tax con più aliquote. Bitonci annuncia poi "un'altra misura molto importante per le imprese: una riduzione dell'Ires dal 24% al 15% per gli utili che vengono reinvestiti per l'acquisto di attrezzature e beni per lo sviluppo dell'attività. Il punto di partenza resta il taglio del primo scaglione".

Latest News