Manovra, Tria: il reddito di cittadinanza va disegnato bene

Di Maio sul reddito di cittadinanza

Di Maio sul reddito di cittadinanza

Coi cinque stelle il motivo del contendere è sempre lo stesso: l'introduzione del benedetto reddito di cittadinanza, provvedimento bandiera del programma elettorale grillino.

La linea però era stata data esplicitamente ieri dal vice premier e capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, che aveva avvertito, intervistato da Bianca Berlinguer su Rai3 che, senza il reddito di cittadinanza in manovra, "si aprirà un problema per il governo".

In attesa anche che si abbiano notizie più precise sul reddito di cittadinanza, gli esponenti del nuovo Governo stanno discutendo sulla possibilità di alleviare la pressione fiscale a carico delle famiglie. Nonostante la prudenza del ministro Tria sul reddito il M5s non molla. Lezzi indica in 10 miliardi la cifra adatta a fronteggiare un'emergenza fatta di 5 milioni di poveri.

Perciò occorre trovare un punto di equilibrio che non terremoti quotidianamente il Governo per evitare che i mercati percepiscano smottamenti allarmanti e reagiscano di conseguenza facendo innalzare lo spread (che Tria cerca di tenere sotto controllo con continue rassicurazione sul tetto del 3%) che poi si riflette negativamente sui conti rendendo ancora più complessa la realizzazione della misura cara ai pentastellati. "Bisogna vedere le compatibilità di bilancio ma sono molto favorevole a partire in modo molto graduale".

Usa, arriva l'uragano Florence: le immagini del satellite
I supermercati sono stati presi d'assalto e in molti casi acqua potabile e cibo base sono stati distribuiti dalle autorità.


Roma, 13 set. (AdnKronos) - Il reddito di cittadinanza "sarà al centro della legge di bilancio insieme al tema delle pensioni e del fisco". Difficile anche capire come davvero evolverà il dialogo con Tria e tra i due vicepremier, che hanno obiettivi identitari diversi. "Tutto il governo - ha concluso Di Maio - ha la volontà di dare pieno sostegno a Tria per ottenere i risultati prefissati".

Le indiscrezioni apparse oggi sulla stampa su possibili dimissioni del ministro Tria sono prive di fondamento. "Bisogna strutturarlo in modo da non creare disincentivi, aiuta la crescita perché consente di spostare risorse, redistribuisce il reddito più che la domanda".

"Il clima è costruttivo - ha sottolineato il presidente della commissione Finanze in Senato Alberto Bagnai - stiamo lavorando sulle priorità nel rispetto dei vincoli".

Latest News