Reddito universale in Francia: il sussidio ai più poveri dal 2020

Macron annuncia il “reddito universale” Guerra alla povertà in Francia entro il 2020

Macron lancia il piano anti-povertà

Il varo del reddito universale si inserisce in un più grande piano da 8 miliardi di euro in quattro anni per contrastare la povertà. In un discorso di oltre un'ora presso il Musée de l'Homme di Parigi, il capo dell'Eliseo ha dettagliato una "strategia nazionale di prevenzione e lotta alla povertà", con cui intende "eliminare le disuguaglianze del destino che si perpetuano di generazione in generazione" e consentire alle persone di "uscire dall'indigenza". La misura, che punta a garantire che tutti possano "vivere degnamente", è stata illustrata nel quadro del nuovo piano anti-povertà presentato il 13 settembre dal presidente francese.

"Essere poveri - ha dichiarato Macron durante l'intervento - non deve più essere un'eredità: oggi servono 180 anni a un bambino povero affinché qualche suo discendente acceda alla classe media". E, come vi abbiamo anticipato, tra i provvedimenti più importanti quelli che interessano l'apertura di nuovi asili, l'obbligo di formazione e l'estensione della copertura sanitaria alle fasce più deboli della popolazione francese.

Funghi di origine sconosciuta con porcini: richiamati dal mercato
Una marca presente anche nei supermercati cremonesi della catena tedesca. Il lotto interessato dal richiamo è il TMC del 30/03/2019.


Il piano anti-povertà, nello specifico, prevede un investimento di 50 milioni di euro per contribuire agli aiuti all'infanzia e all'inserimento dei giovani in difficoltà. Una misura già attuata da diverse amministrazioni. Un po' come il Movimento 5 Stelle, che da anni porta avanti la battaglia sul reddito di cittadinanza, il leader di En Marche ha annunciato l'introduzione entro il 2020 del "reddito universale di attività". L'struzione verrà supportata anche da risorse aggiuntive destinate ad identificare gli abbandoni nel sistema scolastico, e da un fondo per l'innovazione sociale da 100 milioni di euro per diffondere nuovi metodi di apprendimento in tutto il Paese.

"Con una legge nel 2020, creeremo un "reddito universale" per permettere ad ognuno di vivere in modo decente", ha annunciato il presidente della Francia, precisando che sarà un reddito "universale perché ognuno potrà pretenderlo se e quando i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia". Ma che prevedrà un "contratto di impegno e di responsabilità reciproca", accompagnato da "diritti e doveri ulteriori".

Latest News