Singapore, Vettel sconsolato: "Non avevamo velocità e passo gara"

La Ferrari di Sebastian Vettel a Singapore

GP di Singapore trionfa la Mercedes di Hamilton davanti a Verstappen. Solo terza la Ferrari di Vettel

È stata una gara lunga, forse la più lunga della mia vita, e sono contento che sia finita": "è un Lewis Hamilton provato, ma certamente soddisfatto, quello sceso dalla macchina dopo la vittoria nel Gran Premio di Singapore, la sua quarta in terra asiatica. Al giro 38 ho avuto un po' di sfortuna con il traffico, chi avevo davanti si è spostato da una parte all'altra. "Chiaramente perdere punti non aiuta in ottica mondiale". "Con calma e determinazione affronteremo le sei gare che restano, per lottare fino alla fine". L'inglese è stato perfetto e si è presentato euforico ai microfoni: "è stata una gara dura ma ho avuto tantissimo sostegno dal pubblico e dal team, che non ha mai mollato né smesso di credere in me". Solo terzo un deludente Sebastian Vettel, con l'altra Ferrari, quella di Raikkonen, giunta solo in quinta posizione preceduta anche dall'altra Mercedes di Bottas.

Le dichiarazioni di Vettel non lasciano dubbi su quale sia il problema, se di problema si può parlare: " Sono il peggior nemico di me stesso!" A Singapore, sarà fondamentale la partenza per Vettel, che parte alle spalle del poleman Hamilton e di Versstappen. Questo con gomme molto più fresche di Vettel (13 giri in meno), per dare un'idea.

Chi deciderà di vedere il Gran Premio di Formula 1 che si correrà questo fine settimana a Singapore con lo streaming legale e sicuro potrà scegliere la soluzione che preferisce in un ventaglio di offerte davvero ampio. Il carattere Stop&Go di Marina Bay esige dalle monoposto una buona risposta in termini di coppia e guidabilità, oltre che un notevole consumo di benzina: qui si brucerà la maggior quantità di carburante della stagione, circa 1.9 chilogrammi al giro, anche per i frequenti cambi di marcia (70).

Gp Singapore: pole Hamilton, terzo tempo per Vettel
Bottas , Raikkonen e Ricciardo seguono i colleghi del podio sul traguardo del Singapore Street Circuit. Ho fatto una bella partenza, il team non ha mai smesso di credere in me.


Su questa pista che conta il maggior numero di curve del Mondiale di Formula 1 a rivestire un'importanza primaria sono la frenata e la trazione. Sirotkin ha lottato bene anche con Hulkenberg, mentre verso la fine il duello con Brendon Hartley in cui entrambi finiscono lunghi gli guadagna 5 secondi di penalità (avendo allargato il neozelandese).

L'unico momento di difficoltà per Hamilton è stata la gestione del doppiaggio su Sirotkin e Grosjean, in lotta tra loro davanti a lui. Paradossalmente, in questa gara la Haas ha pagato il risultato delle qualifiche in modi opposti: Grosjean in top ten non ha potuto adottare la strategia migliore (e ha pure avuto un pit-stop disastroso), Kevin Magnussen era troppo indietro.

Latest News