Pure l'Unione africana attacca Salvini: "Si rimangi le parole sui migranti"

Immigrati paragonati a «schiavi»: l'Unione Africana bacchetta Salvini

Unione Africana contro Salvini: "Ritiri frasi sprezzanti sui migranti"

Immediata la risposta di Salvini, durante la conferenza stampa al Viminale: "Non ho niente di cui scusarmi" con l'unione africana. "È opinione dell'Unione africana che gli insulti non risolveranno le sfide della migrazione che Africa ed Europa affrontano". Poi ha aggiunto: "Qualcuno non è stato in grado di leggere o di ascoltare quello che c'era da leggere e ascoltare".

Un nuovo attacco a Matteo Salvini è arrivato dall'Unione Africana, che ha espresso "sconcerto" per alcune frasi pronunciate dal vicepremier italiano.

Barbara D'Urso: "La Rai ha cancellato la mia intervista con Bianca Berlinguer"
Tanto che alla signora D'Urso è stato proposto di rinviare l'intervista a una delle prossime puntate. Semplicemente un rinvio dovuto a una valutazione aziendale dettata da considerazioni editoriali .


"Il Signor Matteo Salvini, in una recente conferenza a Vienna, ha paragonato gli immigrati africani a degli schiavi", si legge in un comunicato. Nell'interesse di un impegno costruttivo sul dibattito migratorio tra i due continenti, l'Unione africana chiede al vice primo ministro italiano di ritrattare la sua dichiarazione dispregiativa sui migranti africani e di sollecitare ulteriormente l'Italia a emulare e sostenere altri Stati membri dell'Unione europea, come la Spagna, che hanno esteso il supporto e la protezione ai migranti in difficoltà, indipendentemente dalla loro origine e dalla loro situazione legale, prima che venga determinato il loro status di ammissione. "L'attuale 'crisi migratoria' in Europa - spiega la Commissione - offre un'opportunità per l'Africa e l'Europa di avviare un dialogo non solo sulle questioni migratorie, ma anche più in generale sulla cooperazione allo sviluppo tra i due continenti". Nuove polemiche sulle parole del segretario federale della Lega, frutto di un'incomprensione: già negli ultimi giorni Salvini ha chiarito a più riprese la sua posizione, sottolineando di non aver definito "schiavi" i migranti, ma tutt'altro. "L'Unione Africana chiede al vice premier italiano di ritirare la sua sprezzante affermazione sui migranti africani", aggiungendo inoltre che: "L'emigrazione italiana negli ultimi due secoli è stato il più grande caso di migrazione di massa nella storia moderna europea" e concludendo con: "L'Italia ha beneficiato moltissimo dalle rimesse della sua grande diaspora". "Smentisco qualsiasi equiparazione tra immigrati e schiavi, anzi, le mie dichiarazioni a vienna erano a difesa dei migranti che qualcuno vuole usare come schiavi".

L'ufficio stampa del ministro Salvini infatti aveva scritto: "È necessario smentire seccamente alcune ricostruzioni della stampa internazionale, secondo le quali il ministro Salvini avrebbe definito 'schiavi' gli immigrati africani".

Latest News