Borsa: Milano distacca l'Europa con calo spread, bene banche e Tim

Nessun impatto dal taglio delle stime sulla crescita globale annunciato dall'OCSE mentre l'Italia continua ad essere osservata speciale in vista della Legge di bilancio che potrebbe sforare i limiti di deficit.

Si distinguono a Piazza Affari i settori automotive (+1,09%), utility (+0,90%) e immobiliare (+0,57%). Cosa, questa, che ha creato tensioni sul debito tricolore, come ben visibile dall'aumento del rendimento del BTP decennale al 2,87% e dello Spread con il Bund tedesco, salito a quota 240 punti base (+3 pb). Rialzo deciso anche per Parigi (+0,56%), Londra (+0,4%), Francoforte (+0,5%) e Madrid (+0,48%). L'indice Ftse Mib arretra dello 0,13%. In salita Buzzi Unicem (+3,93%) e Telecom Italia (+3,93%). In positivo gli altri titoli del comparto auto con Cnh (+1,4%) ed Fca (+0,3%).

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Diasorin (+3,36%), Cattolica Assicurazioni (+3,34%), El.En (+3,15%) e MARR (+2,44%).

Infortuni Douglas Costa e Khedira, ecco le prime novità sui due bianconeri
Settimana complicata per il giocatore brasiliano, squalificato per 4 giornate in campionato a causa dello sputo a Di Francesco . Perché a Valencia , Douglas Costa ha confermato di attraversare un momento decisamente 'no'.


Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su UBI Banca, che ha terminato le contrattazioni a -2,44%. Soffre Salini Impregilo, che evidenzia una perdita dell'1,99%.

Prysmian ritraccia (-2,66%) insieme a Ferrari (-1,3%); sono in calo Italgas (-2%), Campari (-1,4%), A2a (-1,37%) e Snam (-1,13%). Preda dei venditori Autogrill, con un decremento dell'1,83%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Juventus, che ha chiuso a -5,44%. Affonda IGD, con un ribasso del 2,49%.

Chiude pesante Carige (-4,5%), nel giorno dell'assemblea durante la quale ha ottenuto la maggioranza per il nuovo cda.

Latest News